“Touch Casaranello” in un circuito

2212
Un dipinto di Casaranello

Casarano. Si chiama “Touch Casaranello” il progetto con il quale l’associazione temporanea di scopo costituita dall’associazione capofila “ArcheoCasarano”, “Origini e futuro”, dal Comune di Casarano e dall’associazione “TourinGalatina” partecipa al bando “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici» pubblicato dal Ministero della Gioventù.

«Il progetto – spiega il presidente di ArcheoCasarano Alessandro De Marco – mira a valorizzare la chiesa mediante percorsi tradizionali come la partecipazione a fiere, la creazione di gadget, visite guidate e  laboratori didattici. Ma, cosa ancora più importante, si prevede  anche la fruizione della chiesa mediante l’utilizzo delle nuove tecnologie, come ad esempio gli smartphone».

A tal proposito, occorre sottolineare la presenza nel progetto di un giovane ricercatore del Cnr che seguirà tutte le fasi di sviluppo delle tecnologie che saranno poi utilizzate per la valorizzazione del monumento.

“Touch Casaranello” coinvolgerà quando sarà auspicabilmente approvato, 20 giovani, con un’età media di 28 anni, di cui 13 membri dell’associazione “ArcheoCasarano”, che a vario titolo lavoreranno direttamente all’iniziativa.

«Qualora dovesse essere approvato – continua il presidente De Marco –  il progetto durerà 18 mesi, per un impegno di spesa di 200mila euro, e porterà enormi benefici alle aziende locali, in particolar modo per quelle che lavorano nel settore dell’editoria, del marketing territoriale e del turismo».

«Infine, occorre aggiungere che abbiamo previsto – conclude De Marco – un convegno internazionale che avrà come tema principale i mosaici della chiesa di Casaranello e alcune pubblicazioni a carattere specialistico e divulgativo». Speriamo che sia la volta buona.

                                          AN