Torre Suda, un “Giardino incantato” di giochi per ricordare la piccola Anastasia

1025
Anastasia Protopapa
Anastasia Protopapa

Torre Suda (Racale) – Per il quinto anno consecutivo il giardino costiero “Gabriele Toma” di Torre Suda diverrà “Il giardino incantato di Anastasia”: sabato 27 e domenica 28 luglio (dalle ore 19,30) in programma due serate per ricordare Anastasia Protopapa, la giovanissima ginnasta racalina che, cinque anni fa, è volata via insieme ai suoi sogni, a causa di una malattia troppo forte, ma affrontata con tenacia e dignità.

Il programma delle due serate include giochi nell’area gonfiabili, calcetto, spettacolo di bolle, teatrino, postazione trucco, area gelato e zucchero filato, e l’animazione con artisti quali Costanza Rainò, Tommaso Greco, Alto & Basso, Matteo Mazzotta, Mago Marco, Rocky Di Maggio, Clown Lacoste, Giovanna Corvaglia, Doria Gym, Ester & Giulia, Il Peccato di Eva e Tabarin artisti circensi. A condurre ci sarà il duo composto da Daniela Stomeo e Massimo Corvaglia.

Un sorriso per i bambini. Le due serate sono pensate e organizzate dai genitori della piccola e dai soci della onlus “Gli amici di Anastasia”, con il patrocinio del Comune di Racale. Obiettivo della manifestazione è donare un momento di gioco e qualche sorriso ai più piccoli: “Dopo i numerosi apprezzamenti per le decorazioni dello scorso anno, quest’anno realizzeremo qualcosa di ancora più bello, grazie al lavoro delle volontarie che da un mese e mezzo curano gli addobbi e che, durante le due serate, animeranno l’angolo della bellezza con trucco e parrucco – spiega Antonella Alfarano, mamma di Anastasia. – Attraverso quest’evento continuiamo a coltivare il sogno di mia figlia: donare un sorriso a chi soffre, perché il sorriso è la forza della vita e quello di Anastasia sarà per sempre la mia forza”.

Pubblicità

L’associazione “Gli amici di Anastasia” è attiva in corsia con la clown-terapia, e la raccolta fondi messa in piedi per questa quinta edizione sarà finalizzata all’acquisto di attrezzatura medica da donare nei reparti di oncologia.

Pubblicità