Torre San Giovanni (Ugento), risultati e premiati della gara “Cross del Salento”

1355
Stefania Scatigna e Gianluca Scarcia

Torre San Giovanni (Ugento) – Il “Cross del Salento” ha inaugurato la nuova stagione agonistica alzando il sipario sullo spettacolo delle corse campestri. Domenica mattina si è svolta a Torre San Giovanni la prima tappa del circuito “Cross in Puglia”, organizzata dall’Atletica Capo di Leuca presieduta da Gianluca Scarcia.

Oltre quattrocento podisti si sono dati battaglia nell’area del ristorante “Morfeo”, in una manifestazione dal respiro nazionale dipanatasi sotto l’egida del Comitato provinciale della Fidal Lecce. Tra i numerosi premiati si sono distinte le prestazioni di Stefania Scatigna e Pamela Greco. Quest’ultima, casaranese e facente parte della Saracenatletica, si è imposta nella prima batteria facendo registrare il tempo di 17:55. La tesserata dell’Atletica Capo di Leuca, invece, si è fatta valere in batteria due, al netto di un ottimo 25:09.

Pamela Greco

I premiati. Alle migliori atlete donne della competizione si sono aggiunte le eccellenti performance dei Senior Master 60 Luigi Gerardi (della Amatori Castrignano de’ Greci), Francesco Carofiglio (della Atletica Capo di Leuca) e Alessandro Zaminga (anche lui della Amatori Castrignano de’ Greci), giunti rispettivamente al primo, secondo e terzo posto della prima batteria. Tra gli Allievi si è distinta la prova di Francesco Colaci (dell’Atletica Capo di Leuca), che ha fatto registrare il tempo di 18:18 conquistando un ottimo terzo posto. Giulia Sodero (della Orient Atletica Tricase) ha invece ottenuto la prima posizione tra le Cadette, in virtù del tempo fissato in 08:17. Per quanto riguarda i Cadetti, ha spiccato il nome di Andrea Stefanizzi (della Podistica Magliese), che ha conquistato la terza piazza d’onore con il tempo di 11:11.

Pubblicità

Circuito di gara molto tecnico. Tutti i partecipanti si sono ritrovati domenica mattina alle 8, in attesa della gara che si è suddivisa in sette partenze comprese tra le 9 e le 12,30. Gli atleti si sono cimentati su un percorso molto tecnico, caratterizzato da dislivelli, ponti e sottopassaggi artificiali. Al termine della gara si è svolta la ricca cerimonia di premiazione, in un clima di festa tra l’entusiasmo del pubblico e di tutti i partecipanti.

Pubblicità