Tornano i pullman nell’area della stazione di servizio: è polemica a Casarano

2012
Casarano – La stazione di servizio ridiventa area di sosta per i pullman del trasporto pubblico ed è polemica a Casarano. È del consigliere di minoranza Fedele Coluccia l’interrogazione rivolta al sindaco Ottavio De Nuzzo ed ai competenti uffici comunali per comprendere se sull’ampia area in questione, compresa tra le vie Matino e Carlo Magno, essendo “spazio privato ad uso pubblico”, possano sorgere i 14 stalli di sosta disegnati per altrettanti autobus di linea che poi.
In sostanza è stato il titolare della stazione di rifornimento a prevedere tali parcheggi (già presenti alcuni anni fa, ma di fatto assenti più di recente) restringendo di molto lo spazio per la sosta e pure il transito degli autoveicoli. A protestare sono i residenti della zona, non solo perché abituati a parcheggiare in quell’area ma anche per il relativo inquinamento acustico e ambientale. La presenza di tanti pullman annulla quasi lo spazio per le automobili e crea problemi anche a causa dei motori diesel di solito accesi molti minuti prima della partenza.

L’interrogazione

Fedele Coluccia

Il consigliere del gruppo “Casarano oltre” fa presente che a livello urbanistico l’area in questione viene classificata come “parcheggi a raso pubblico e pertanto “dovrebbe considerarsi parcheggio privato ad uso pubblico”. A suo tempo, dunque, la stazione di servizio venne autorizzata a condizione che l’ampio piazzale rimanesse di uso pubblico.

Da parte sua, la stazione di servizio fa sapere di aver segnalato da anni i problemi della “sosta selvaggia” nell’area, con problemi nel rifornimento delle autocisterne, ed anche dell’attraversamento della stessa da molte auto, anche a forte velocità, per bypassare il semaforo. «Il piazzale – spigano i gestori – è privato ad uso pubblico nel senso che è consentita la sosta solo a chi usufruisce dei servizi che ci sono nel piazzale, ma non per lasciare l’auto parcheggiata tutto il giorno».