Torna a vivere la Pro loco di Lido Marini, eletti presidente e direttivo

645

Lido Marini (Ugento – Salve) Quando ormai quasi non ci sperava più nessuno, torna a rivivere la Pro Loco di Lido Marini. Domenica 21 luglio è stato eletto il nuovo presidente e direttivo.

Ecco i nuovi componenti: Andrea Monsellato, presidente (proclamato all’unanimità); Carmine Martella, vice presidente; Fabio Coppolino, tesoriere; Riccardo Melidoro, segretario; Antonio Nuzzo, revisore; Alessandro Margarito e Fabio Stendardo, probiviri; Luigi Suriano, Maurizio Iacobelli, Mauro Calò e Gabriele Urso nel direttivo (i componenti provengono da Presicce-Acquarica, da Ugento, Gemini e anche Miggiano).

«Il rischio di vedere liquidata un’associazione storica, che ha fatto tanto per il territorio, ci ha spinti, in un moto di senso civico, a dare la nostra disponibilità a far parte della Pro Loco di Lido Marini – commentano all’unisono i nuovi componenti – e impegnarci in prima linea per garantire la prosecuzione della vita associativa. Non potevamo rimanere silenti e indifferenti, sapendo degli sforzi di tanti volontari che hanno lavorato prima di noi e di tutti coloro che hanno investito i propri risparmi a Lido Marini, avendo nel cuore un unico desiderio: veder crescere e migliorare di anno in anno la località a cui si erano affezionati».

Il nuovo gruppo si riunirà presto per il primo direttivo, le idee sono già chiare su ciò che si intende fare. Quello che si può, per questa stagione già iniziata. «Auspichiamo di avviare una collaborazione con le amministrazioni di Salve e Ugento – affermano – e cercheremo di tenere aggiornata la cittadinanza con incontri periodici. Potremo poi approfondire in futuro forme di co-gestione di alcuni servizi per rendere partecipe anche il comune di Presicce-Acquarica».

Antonio Nuzzo

E ancora interventi per il decoro urbano, creazione di aree svago per i bambini, puntuale manutenzione delle aree pubbliche. «In questo momento, poi, rivolgiamo un sentito grazie all’ex presidente Antonio Nuzzo, che ha accettato la nostra richiesta di affiancarci», conclude il gruppo.