Tettoia del mercato cade sull’ingresso di un negozio: incidente sfiorato. Bidoni dei rifiuti contro auto. AGGIORNAMENTI

6686

Gallipoli – Si è sfiorato l’incidente grave questa mattina pochi minuti dopo le 9, proprio quando il ciclone stava raggiungendo la sua punta massima con raffiche di 118 chilometri orari. Proprio sull’ingresso di un negozio di surgelati, la cui apertura al pubblico era issata per le 9, si è abbattuta una pesante copertura metallica. Solo per un caso non ci sono stati feriti.

Pare si sia trattato di un pezzo della tettoria dell’area mercatale poco distante, come raccontano su facebook gli stessi esercenti: “Ringraziamo il cielo e tutti coloro che ci hanno contattati per sapere se stavamo bene. Non mi spiego ancora com’è che in quell’istante non c’era una persona… Avevamo appena abbassato la serranda perché la situazione cominciava a preoccuparci e ci è arrivata addosso la tettoria di circa 20 metri di lunghezza e sei di larghezza”. Il negozio ha ripreso l’attività solo nel pomeriggio.

Pubblicità

Tettoie e gabezo sull’asfalto

La tettoia di un gazebo è precipitata invece sulle auto in sosta nel rione San Gabriele, lungo la Provinciale per Alezio.

Il bollettino della Protezione civile di Gallipoli. La situazione poche ore fa era questa: “Tratto Giudecca (pressi Guardia di finanza, ndr) non transitabile, si prega tutta popolazione di non forzare gli accessi; i nostri volontari in collaborazione col comando di polizia locale del Comune di Gallipoli, Commissariato e Vigili del fuoco di Gallipoli stanno svolgendo numerosi interventi per rimozione alberi dalla carreggiata, una particolare attenzione sulla strada per Sannicola per caduta albero…”.

L’appello della Protezione civile

L’appello ai cittadini “Preghiamo tutti – dicono dalla Protezione civile locale – di non intralciare i soccorsi e di segnalare qualsiasi tipo di difficoltà ai seguenti numeri: 0833275545 (polizia locale) 0833201354 protezione civile. Dalle ore 18,30 di ieri è operativo il Coc… stiamo lavorando per la sicurezza e l’incolumità della popolazione”.

La punta estrema del ciclone è stata raggiunta alle 9,14 per una durata di circa mezz’ora. La massa d’aria e d’acqua è arrivata da est-sud-est, buttando letteralmente all’aria tavolini e bidoni della spazzatura ancora pieni. “Alle 7 – racconta a piazzasalento.it un gallipolino – c’erano in giro più bidoni che persone”. Numerose auto ne hanno fatto le spese. Numerosi contenitori sono andati perduti.

Un caso analogo è accaduto anche a Nardò con proteste e danni. La scena potrebbe ripetersi domani mattina, con i bidoni contenenti le plastiche (salvo indicazioni diverse da parte del Comune.

Il vento cambia direzione, non la forza

Il vento, che sarà forte anche domani mattina – l’allerta da gialla è ridiventata arancione intorno alle 18 – soffierà da sud-ovest “garantendo” così tra l’altro il sicuro allagamento della zona della Giudecca. Il Comune in serata ha sospeso intanto il mercato settimanale di domani, mercoledì 13 novembre.

In tarda serata si sono già avvertiti i primi effetti del cambio di vento, non più da est ma da ovest, sempre da sud comunque. L’acqua del mare ha invaso la zona della Giudecca raggiungendo il corso Roma e avvicinandosi alla Fontana greca (foto).

Pubblicità