Tentato omicidio nelle campagne tra Cutrofiano e Noha: arrestato un 37enne. Trovato un fucile a canne mozze rubato a Matino

19895

Cutrofiano – È salvo per miracolo il 27enne incensurato di Galatina colpito in pieno volto con lo sparo di una pistola questo pomeriggio nelle campagne tra Cutrofiano e Noha. Per il tentato omicidio di contrada Sirgole è stato arrestato il 37enne agricoltore Angelo Baglivo, di Noha. Il fatto è avvenuto all’interno della masseria di proprietà del padre dell’arrestato.

L’operaio 27enne, incesurato, è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione al “Vito Fazzi” di Lecce: è sfuggito alla morte malgrado lo sparo indirizzatogli in pieno volto. A fare fuoco è stata una pistola calibro 7.65. I due uomini si conoscevano e pare si siano incontrati per contrattare la compravendita di alcuni cavalli anche se l’epilogo della vicenda fa pensare che sotto ci possa essere dell’altro.

In un casolare la pistola che ha sparato ed un fucile a canne mozze rubato a Matino

Una volta giunti sul posto, i carabinieri della Stazione di Galatine e del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Gallipoli, nonché quelli del Nucleo investigativo e della sezione Investigazioni scientifiche del comando provinciale, hanno eseguito i rilievi del caso approntando una caccia all’uomo per arrestare l’uomo che ha fatto fuoco, rintracciato poco dopo sulla strada che da Noha conduce a Cutrofiano.

Pubblicità

L’arrestato si è arreso subito conducendo i militari in un casolare della zona per poter rintracciare la pistola con matricola abrasa utilizzata e detenuta illegalmente, insieme ad un caricatore contenente sette cartucce. Nello stesso rudere i carabinieri hanno rinvenuto pure un fucile a canne mozze risultato rubato nel 2012 a Matino  oltre ad un centinaio di munizioni calibro 7,65.

Pubblicità