Tenta di sottrarre il figlio minore alla moglie, scoppia una lite e minaccia di far esplodere casa: 37enne agli arresti

593

Nardò – Notta alquanto movimentata quella di ieri, vigilia di Natale, a Nardò per una lite familiare che ha portato all’arresto di un marito violento.

Nel tentativo di sottrarre il figlio minore affidato alla moglie, dalla quale è in fase di separazione, un 37enne del Bangladesh, residente a Nardò, ha prima fatto esplodere dei petardi lanciandoli sul balcone dell’abitazione dove risiede la donna per poi introdursi all’interno forzando il portone con una bombola del gas usata come ariete trovava sul pianerottolo e minacciando pure di farla esplodere.

Solo il pronto intervento dei familiari della donna, con i quali è avvenuta una colluttazione, ha impedito all’uomo di portare a termine il proposito incendiario. Nella concitazione del momento l’uomo è però riuscito comunque ad afferrare il figlio minore e ad allontanarsi portandolo in braccio, salvo essere bloccato poco dopo (intorno alle 4), non senza difficoltà dal personale della Sezione Volanti prontamente intervenuto. L’asiatico, infatti, ha opposto una strenua resistenza ai poliziotti cercando persino di sottrarre la pistola d’ordinanza ad un operatore.

L’uomo dovrà rispondere di numerosi reati: atti persecutori, maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate, danneggiamento, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Dopo le formalità di prassi in commissariato, il 37enne è stato sottoposto in regime degli arresti domiciliari presso la sua abitazione ed il minore riaffidato alla madre.