Teatri chiusi? Da Nardò gli spettacoli arrivano a casa, in streaming

204
Uno scatto da uno spettacolo della rassegna (foto di Ginevra Caggiula)

Nardò – Se i teatri sono chiusi causa Covid, il teatro arriva direttamente nelle case, via streaming: è l’iniziativa della compagnia TerramMare (di Presicce-Acquarica) e del Teatro comunale di Nardò, che offrono agli spettatori un ciclo di spettacoli da fruire gratuitamente via schermo, sul canale YouTube della compagnia.

Il teatro ‘in streaming’ è un ripiego dovuto alla ‘distanza sociale’ che ci impone la pandemia – spiegano gli organizzatori. – Non ci illudiamo che sia la stessa cosa, ovviamente, ma crediamo che possa essere utile a tenerci vicini, a sentirci ancora disponibili, quasi in ‘prima fila’”. Gli eventi trasmessi in streaming vanno in scena al Teatro comunale di Nardò.

Il calendario degli spettacoli

Dopo i primi due appuntamenti del 17 e 18 marzo (rispettivamente con “Storia dell’occhio” e “Fragile”), la rassegna prosegue domenica 21 (ore 19) con lo spettacolo “Kore”, proposto dal Teatro delle forche: si racconta del mito di Persefone, figlia di Demetra e Zeus rapita dallo zio Ade, che si innamorò di lei e la portò con sé nell’oltretomba, dove la fanciulla è costretta a restare per 6 mesi l’anno, 6 mesi che rappresentano la tristezza e il buio dell’inverno, contrapposti ai 6 mesi della primavera e dell’estate, con la gioia e la luce, quando Persefone torna sulla terra.

L’ultimo spettacolo della rassegna va in scena lunedì 22 marzo (sempre alle ore 19): in una produzione di Diaghilev si propone un adattamento del “Decameron” di Boccaccio diretto e intrepretato da Paolo Panaro. Un classico di grande attualità, con le storie di 7 donne e 3 uomini che nella Firenze del 1348 lasciano la città e si rifugiano in campagna per sfuggire alla peste. Nelle novelle che il gruppo narra per passare il tempo durante l’isolamento c’è un monito: finché si avrà qualcosa da raccontare, il mondo sarà salvo.