Taviano, ultimi appuntamenti d’estate. A settembre la fiera della Cappeddha

2372

Artigianato figulo alla fiera della Cappeddha
Artigianato figulo alla fiera della Cappeddha
TAVIANO. Ultime due manifestazioni per la stagione estiva 2015 a Mancaversa: il cabaret di Gianpaolo Viva che con il gruppo “I Malfattori” presenta lo spettacolo “Tutti a Vancouver” (appuntamento venerdì 28 agosto alle ore 21 sul lungomare Caracciolo) e il 28 e 29 agosto August Rednek con “Special Bike show”, raduno nitro due serate di elettrizzanti emozioni (appuntamento Area Eventi, via Riccione a Mancaversa).
Poi a Taviano il 7/8 settembre, attesissima, come ogni anno la fiera dell’artigianato figulo, le cui origini sono antichissime e che costituisce un polo di attrazione anche per i paesi vicini. È tempo di bilanci, dunque, per gli organizzatori delle manifestazioni estive. L’assessore Antonino Manni espone il suo pensiero: «Quest’anno siamo stati molto attenti alle spese per non gravare troppo sul bilancio comunale. Abbiamo chiamato a raccolta tutte le associazioni, ad iniziare dalla Pro loco, che ci hanno supportato in tutto e per tutto, offrendo nel contempo spettacoli e rappresentazioni che hanno animato per tutta l’estate la nostra marina». Entusiasta della stagione anche il sindaco, Carlo Portaccio che sottolinea la presenza di tanti turisti e semplici cittadini a tutte le manifestazioni.

Attesa, intanto, per la “Cappeddha”, che si svolgerà, come sempre, sul corso Vittorio Emanuele II dove è ubicata la chiesetta dedicata alla Madonna delle Grazie (oggi sconsacrata) detta appunto “Cappaddhuzza”. La fiera è nata proprio sul piccolo sagrato della chiesetta dove si teneva questo mercato di oggetti umili, semplici, fatti artigianalmente nei paesi vicini: Gemini,
Acquarica, Presicce, Alezio, Matino, Lucugnano e Cutrufiano. Si trattava di oggetti di creta grezza o smaltata, lucerne, tegami e pentole, piatti di ogni grandezza, ma anche scale, panieri, zappe, cesoie: insomma tutto quello che poteva servire per la casa e per i lavori dei contadini. Una caratteristica della fiera erano i fischetti, sempre di coccio, che piacevano molto ai bambini. La fiera, oggi, conserva ancora il fascino dei tempi antichi. Si visi- ta dalla sera del 7 settembre, per tutta la notte, fino alle 13 dell’8.