A Taviano, le strategie per evitare l’ecotassa

2818

eliano olive0001 MAGGIORANZATAVIANO. Più differenziata, meno ecotassa. Al via in queste ore una serie di strategie volte, ed è proprio il caso di dirlo, a fare la differenza! Il rischio del tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi urbani che i Comuni dovrebbero pagare in più alla Regione (e che chiederebbero quindi ai cittadini)  ha dato uno stimolo importante per provare a conseguire l’obiettivo di  un 5% di differenziata in più a giugno 2014.

«Stiamo cercando di agire in più direzioni – dice il consigliere delegato all’Ambiente Eliano Olive (foto) – stiamo già provvedendo a  individuare e formare eco-informatori, interverremo sull’informazione delle singole utenze circa la corretta gestione della raccolta differenziata. Informeremo tutti i cittadini di più e meglio, attraverso manifesti e  giornate ecologiche. Ma soprattutto realizzeremo dei centri raccolta dei rifiuti provenienti da sfalci e potature che, soprattutto nel periodo primaverile, influiscono notevolmente sui quantitativi di conferimento indifferenziato».

Si punta, inoltre, sull’attività di controllo del conferimento, delle modalità di raccolta differenziata e del corretto smaltimento su tutto il territorio comunale. Si sta valutando anche la possibilità di variazione del servizio a Mancaversa con eliminazione dei bidoni di raccolta indifferenziata. «Abbiamo un contratto realizzato dall’Ato Le/3 oramai in scioglimento – continua Olive – siamo in regime di proroga contrattuale e andiamo verso una nuova gara che sarà realizzata dall’ Aro dove, però,  saranno i nostri uffici a predisporre la parte “tecnica” in base alle esigenze dei nostri concittadini e della nostra comunità». «La nostra Amministrazione – conclude il consigliere –  si sta prodigando con tutte le azioni possibili – per poter beneficiare del costo vecchio dell’ecotassa regionale anche se i tempi fissati dalla Regione sono veramente molto ristretti».