Taviano, incontro sulla Costituzione con l’ex ministro Flick

714
Giovanni Maria Flick

Taviano – Dopo l’incontro di quest’estate, Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale, sarà nuovamente a Taviano, ospite delle associazioni “Bachelet”, “La Piazza” e “Terre Bruciate”, per presentare il suo ultimo libro “La Costituzione: un manuale di convivenza”. L’appuntamento è per venerdì 29 marzo alle 19 presso la sede dell’associazione Bachelet (in via Immacolata, 16): a intervistare Flick saranno la giovane studentessa Aurora Bruno, la dirigente scolastica Antonella Cazzato, l’archeologa Roberta Giannì, la psicologa Federica Pasca e l’avvocato Davide Spiri. Introduce e coordina la serata sarà Roberto Tanisi, presidente della Corte d’Appello di Lecce.

Il libro. In “La Costituzione: un manuale di convivenza” Flick traccia un approfondimento su temi quali la dignità della persona, la cultura, l’ambiente, il patrimonio e la Costituzione stessa. Ripercorre, pertanto, la storia, l’essenza delle norme costituzionali e il contesto in cui sono nati quei valori e quei principi che costituiscono l’identità della nostra società, libera e democratica. Non mancano temi di bruciante attualità: dall’immigrazione al terrorismo, dal fine vita alla lotta alla corruzione. Le sue conclusioni evidenziano la forza della Costituzione come antidoto contro il rancore che sempre più caratterizza il dibattito su questi temi.

L’autore. Giovanni Maria Flick, già magistrato al Tribunale di Roma e ministro di Grazia e Giustizia, ha lasciato la Magistratura per intraprendere la carriera di professore universitario e avvocato penalista. Nel 2000 viene nominato giudice della Corte costituzionale dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, assumendo cinque anni dopo la carica di vicepresidente e nel 2008 quella di presidente. Oggi è professore emerito di Diritto penale alla Luiis (Libera università internazionale degli studi sociali) di Roma e membro della commissione di studio del Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche) per l’etica della ricerca e la bioetica.