“Taviano, città del dono”, anno secondo, ritorna nel ricordo di don Ottorino Cacciatore

570

Taviano – Tre giorni di festa per il primo compleanno di “Taviano Città del dono”. A promuovere le manifestazioni, oltre all’Amministrazione comunale, figurano quelle associazioni che collaborano e fanno rete in questa gara di solidarietà, come Fidas donatori volontari di sangue, Admo donatori di midollo osseo e l’associazione “Le ali”, tutte attive sul territorio nell’attività di informazione e di promozione della donazione di sangue, tessuti ed organi.

Il ricordo di don Ottorino Cacciatore

Don Ottorino Cacciatore .

Si inizia venerdì 20 settembre con una serata teatrale presso i giardini “Marinella Cacciatore”, in via Martin Luther King, alle ore 21, con la commedia “La poltrona” a cura della compagnia “Temenos recinti teatrali”. Si prosegue sabato 21 con il concerto “Meditazione in ricordo di don Ottorino Cacciatore”, scomparso lo scorso gennaio, già vice direttore del Seminario di Nardò e padre spirituale presso il seminario di Molfetta, dove ha formato diverse generazioni di sacerdoti pugliesi. Il concerto, a cura dell’associazione “Note libere”, si terrà con inizio alle ore 21 presso il sagrato del Santuario dell’Addolorata.

La donazione di sangue

Sempre nel pomeriggio di sabato 21, alle ore 16, si terrà una raccolta straordinaria di sangue, per far fronte all’attuale carenza, presso la Casa del donatore, a cura della Fidas. Il tutto si concluderà domenica 22 settembre, presso la sala Miggiano del Palazzo Marchesale, alle ore 21, con “Una scelta di cuore”, incontro formativo ed informativo sull’attuale situazione della donazione di sangue, organi e tessuti. E di scelta di cuore parla la consigliera delegata alle associazioni, Viviana Calzolaro (nella foto), secondo la quale “scopo di ognuno di noi, nella vita, è lasciare traccia del nostro passaggio, così come scopo di ogni associazione è lasciare un’impronta di sé, se riesce a sensibilizzare ad una cultura della solidarietà”.

Pubblicità

Pubblicità