“Tamburreddhu” fra musica e tradizioni nel film di Claudio “Cavallo” Giagnotti a Giuggianello

653
Claudio “Cavallo” Giagnotti

Giuggianello – “Tamburreddhu – Resistenza sonora salentina” è il titolo del film documentario che sarà presentato mercoledì 19 agosto nel parco della Madonna della Serra a Giuggianello, alle ore 21, in collaborazione con il Comune e il Centro di cultura sociale e di ricerca.

In apertura di serata saluti istituzionali e intervento dei registi. Alle 21,30 la prima proiezione, la seconda alle 22,30. I posti sono limitati, necessaria la prenotazione via mail a promo@mascarimiri.com. Info al numero 391.3540543.

Simbolo della pizzica

Il tamburreddhu (il tamburello), lo strumento musicale della pizzica salentina, è il protagonista del film diretto da Gigi De Donno e Claudio “Cavallo” Giagnotti, prodotto da Black Sheep Strategy, Arra Produzioni Mediterranee, Francesco Mancini.

Alla base del film c’è un lavoro di ricerca di Claudio Cavallo, musicista-produttore dei Mascarimirì. La pellicola racconta la storia del tamburredhu, un tempo colonna sonora di serate tra amici, con gli anziani che raccontavano storie e tramandavano le melodie tradizionali, da un po’ di anni protagonista di eventi che richiamano turisti curiosi e appassionati di sempre.

Nel documentario viene fuori non solo la storia del tamburreddhu, ma anche  “la resistenza allo show business dell’estate turistica” come suggerisce una riflessione condivisa dagli organizzatori. Da terra di emigranti a terra turistica: negli ultimi 20 anni, infatti, il Salento è profondamente cambiato, è stato scoperto nella sua bellezza e nei prodotti intorno ai quali sono stati costruiti veri e propri eventi, “tutto in funzione dello show business estivo, cambiando così tanti usi e costumi del nostro territorio tra cui lo strumento fondamentale su cui è basata tutta la nostra musica da ballo, la pizzica pizzica”.

Gli “ospiti” della pellicola

Anna Cinzia Villani

Numerosi dei più importanti interpreti di musica salentina compaiono nel film, con le melodie tramandate dai cantori originali registrati nel Salento (Alan Lomax, Ernesto De Martino e Diego Carpitella). E poi fonti storiche, filmati di repertorio, videoclip musicali che raccontano le differenze tra le varie pizziche.

Con Claudio “Cavallo” Giagnotti ci sono anche Anna Cinzia Villani, Mino Cavallino, Alessandro Schito “Scarpina”, Domenico Riso, Luigi Nuzzo, Carlo “Canaglia” De Pascali, Gigi Toma, Fiore Maggiulli, Enzo Greco e Alessio Gioia Gaballo.