Successo a Corsano per il Carnevale della Pro loco che punta a conquistare il Capo di Leuca

1389

Corsano – Si è conclusa tra balli e colori la 37^ del “Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca”.  Si aggiudica il primo posto sul podio il carro “Venghino signori” realizzato dal gruppo “Quelli che il macello” di Corsano (carrista Carlo Morrone). Al secondo posto il carro “Vita da social. L’involuzione della specie” del gruppo “Picca ma boni” di Patù (carristi Francesco De Nuccio, Fabio Panico, Stefano De Salvo); al terzo posto “La grande abbuffata” del gruppo “Corsano motori nella storia” (carristi Pasquale Rizzo e Roberto Buccarello); al quarto posto “Buon compleanno Topolino” del gruppo “Mir” (carrista Cesario Ratano); quinto posto al carro “È tutto un avada hedavra” del gruppo “Franky family” (carrista Gianluca Piccinni).

Per i gruppi di ballo mascherati il primo gradino del podio è andato a “Rivoluzione dei colori” (di Marta Sergi); secondo posto al gruppo “90 e non sentirli” (La Falena); in terza posizione “Carta e zucchero salato” (di Paola Bortune e Maria Assunta Bortune).

La Pro loco «L’allargamento nel territorio del Capo di Leuca è sempre stato uno degli obiettivi del Carnevale di Corsano. Quest’anno – dichiarato Salvo Bleve, presidente della Pro Loco di Corsano che ha organizzato l’evento –  con la presenza di gruppi e carri provenienti dai paesi vicini ha dato ulteriore slancio ad una manifestazione che può benissimo competere con altre realtà regionali e primeggiare nel Salento».

Il sindaco A consegnare il “trofeo di carnevale” è stato sindaco Biagio Martella che afferma: «Il Comune si è impegnato, mai come quest’anno in cui il territorio è stato colpito dalla tromba d’aria, nel garantire a tutti i gruppi gli spazi adeguati nella zona industriale e nell’ex macello rimesso in pieni in tempo record».

Il parroco «Ci siamo divertiti insieme e abbiamo vissuto movimenti di colorata bellezza ma per le Ceneri digiuno, astinenza e tutti a messa!» ha poi concluso, scherzando ma non troppo, il parroco di Corsano don Luca De Santis, che per l’occasione ha vestito i panni del Bianconiglio di Alice nel Paese delle meraviglie partecipando con i suoi piccoli coniglietti alla kermesse carnevalesca.