Street art e rigenerazione di luoghi degradati: primi 12 finanziamenti dalla Regione

824

GallipoliAradeo, Caprarica di Lecce, Gallipoli, Racale, Muro Leccese, Galatone, Sant’Agata di Puglia, Vieste, Foggia, Vico del Gargano, Andria e dall’Istituto scolastico comprensivo “Bosco-Fiore” di Altamura; sono questi i 12 paesi che hanno presentato progetti di Street art e che sono adesso immediatamente finanziabili per un totale di 150 mila euro.

Le iniziative di promozione e sostegno della Street art devono svolgersi e concludersi entro il prossimo 31 ottobre. onclusione dell’opera. In seconda battuta con le risorse disponibili per il 2019 dal bilancio autonomo regionale c’è l’impegno dal governo pugliese di procedere utilizzando altre risorse disponibili, a cominciare da quelle rivenienti dal Fondo europeo sviluppo regionale (Fesr).

Fondi per Aradeo, Gallipoli, Galatone, Muro e Racale

Sono questi i primi esiti della misura “Promozione e sostegno della Street Art”, presentato in questi giorni in una conferenza presso la Fiera del Levante a cui ho preso parte con l’assessore Loredana Capone, Francesco Crudele (vicepresidente Anci Puglia e Sindaco di Capurso), Silvia Pellegrini (dirigente della Sezione regionale “Valorizzazione Territoriale”), Luca Borriello (direttore ricerca di Inward, Osservatorio nazionale sulla creatività urbana). Per il triennio i fondi disponibili sono 450mila euro.

In una nota la Regione Puglia sottolinea che la Misura, una delle cinque azioni del programma della Regione Puglia “La Cultura si fa Strada”, approvato dalla Giunta regionale a giugno scorso, “è destinata a promuovere e sostenere forme espressive visive in grado di contribuire a rigenerare e riqualificare luoghi e beni pubblici, con particolare riferimento alle aree degradate o periferiche”.

Creatività urbana e recupero di spazi urbani abbandonati

Alla chiamata regionale avviata lo scorso 7 agosto  hanno risposto 92 amministrazioni pubbliche, tra Comuni, scuole e università. L’iniziativa è “unica nel suo genere tra tutte le Regioni italiane. Su proposta del consigliere regionale Enzo Colonna, l’assessore Capone l’ha sviluppata e portata in porto “quale strumento di rigenerazione degli spazi urbani, in grado di avere significativi impatti sul territorio: sociali, culturali, artistici, urbani e anche turistici”.

Tra i primi commenti c’è quello del Sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva (foto): “Enorme soddisfazione per questo piccolo, grande finanziamento ottenuto, esprime Minerva. “Crediamo fortemente in questa straordinaria arte a cielo aperto e nella possibilità di donare ancora più bellezza alla nostra città. Il progetto che abbiamo immaginato sarà inclusivo e “poetico” . In attesa di regalare alla città una nuova opera d’arte, ringrazio l’assessore Loredana Capone per questa visione e lungimiranza”. Circa l’ubicazione del’opera per ora è top secret. Si sa soltanto che non verrà realizata nel centro storico (anche per ecitare eventuali problemi con la Soprintendenza).

(foto aerea di Gallipoli di Marcello Quarta)