Strage degli ulivi, si riunisce domani a Lecce il Tavolo tecnico regionale. E’ la prima volta che accade

364

Gallipoli – “Le Signorie Loro sono invitate a partecipare al tavolo tecnico sulla Xylella che si terrà lunedì 18 marzo alle ore 17,30 presso la sede della Regione Puglia in viale Aldo Moro a Lecce Cordiali saluti. La Segreteria del Presidente”: dopo quello verbale per bocca dell’assessore Leonardo Di Gioia di venerdì mattina, è arrivato nelle scorse ore anche quello ufficiale.

E’ la prima volta, da quando ha fatto irruzione il batterio da quarantena tra gli ulivi del Salento, che si riunisce il Tavolo tecnico su questa sempre più grave crisi del comparto olivicolo con riflessi anche sociali e turistici. “Finora hanno preferito la Task force…”, hanno  commentato sarcastici alcuni partecipanti ai cortei di sabato, riferito ad una Regione a cui si imputano passaggi a vuoto e ritardi.

La riunione a Lecce di un centro operativo interistituzionale, con i Sindaci, la Provincia e le associazioni delle realtà agricole è stata una delle parole d’ordine unitarie in queste ultime settimane in cui i solchi tra Coldiretti e Unaprol da un lato, e Confagricoltura, Cia, Copagri e Confcoop dall’altro, non hanno fatto altro che approfondirsi e inasprirsi.

Perché a Lecce lo hanno spiegato tute le rappresentanze di agricoltori, frantoiani e vivaisti: a Lecce perché è qui il problema; a Lecce perché devono potervi partecipare tutti i soggetti coinvolti in questa tragedia. Per le associazioni, insomma, non sarà quello di lunedì pomeriggio un caso isolato, ma l’inizio di un percorso “in presa diretta” e condiviso – soprattutto come informazioni e comunicazioni – nel modo più ampio e diffuso possibile.

Del resto, il tempo scorre e l’insofferenza monta, come dimostrato dalle due manifestazioni separate di sabato 9 marzo, in cui le piazze Mazzini e Sant’Oronzo hanno sentito riecheggiare proteste e contestazioni anche verso i vertici delle associazioni.

Il Tavolo tecnico a Lecce era stata anche una richiesta a più voci emersa dall’assemblea dei Sindaci tenuta lunedì 11 a Palazzo dei celestini, sede della Provincia di Lecce. “Vogliamo partecipare, condividere problemi e soluzioni, controllare modi e tempi”, hanno sostenuto alcuni primi cittadini.

Le aspettative premono Ora che la riunione è fissata, inutile dire che le aspettative proprio non sono basse: da troppo tempo si rincorrono voci, annunci, silenzi inspiegabili, rimpalli e – nel frattempo – neanche nella zona infetta (la provincia di Lecce in particolare) si riesce a togliere un albero secco per poterne ripiantare un altro delle varietà che la ricerca ha definito compatibili.