Sport e violenza: nessun Daspo per il calcio al dirigente del Nardò basket

794

Nardò – Nessun Daspo in relazione a gare di calcio per il dirigente della Frata Nardò Carlo Durante. La rettifica è della Questura di Lecce che interviene per chiarire come i fatti attinenti all’incontro di calcio Pro Italia Galatina – Gallipoli del primo ottobre 2017, tenutosi presso lo stadio di Sogliano Cavour, ”sono da addebitare a persona diversa da Durante Carlo”. In questo caso il sanzionato è un 41enne originario di Gallipoli, che avrebbe rivolto frasi ingiuriose al guardalinee, per questo destinatario di un Daspo emesso dal Questore di Lecce il 23 marzo del 2018, poi confermato dal  Tar Puglia che ha respinto l’istanza di sospensione del provvedimento stesso. In relazione a Durante, tuttavia, la Questura conferma “i fatti, la condotta e identità dell’autore” per i fatti riferiti alle gare di basket del primo marzo tra Nuova Pallacanestro Nardò e Mesagne e del primo maggio tra Frata Nardò e Val di Ceppo Perugia.

La reazione della società Nel commentare tale provvedimento, la società neretina aveva espresso “rammarico e disappunto” evidenziando proprio il fatto che Durante non fosse stato presente a gare di calcio né tanto meno si fosse reso responsabile di un aggressione al poliziotto della scientifica.