Sport e disabilità, a Nardò due progetti di inclusione con la Frata “Andrea Pasca” e i Devils Basket

727
Il dirigente Fabrizio Durante della Frata Nardò coi ragazzi disabili di Armonia

Nardò – Doppio progetto a Nardò che vede pallacanestro e disabilità a braccetto nel segno dell’inclusione.

La Regione Puglia ha infatti approvato il progetto della Frata “Andrea Pasca” Nardò del patron Carlo Durante denominato “Muoviamoci… in Armonia”. Nei prossimi mesi tanti ragazzi disabili verranno coinvolti nella pratica del basket, a partire dall’insegnamento delle conoscenze basilari della disciplina, passando alle esercitazioni sul campo.

Ragazzi disabili al Pala Andrea Pasca con Fabiana Liquori, istruttrice dei Devils Basket

Basket per rafforzare il senso di gruppo

Obiettivo del progetto della Frata “Andrea Pasca” Nardò  è rafforzare nei partecipanti il senso di gruppo e di squadra, valori importanti sia nello sport che nel sociale. 

Grazie alla collaborazione con il Centro diurno socio educativo e riabilitativo “Armonia”, gestito dalla Cooperativa Polis, nei primi due mesi si attiverà la mobilità articolare dei ragazzi. Nei successivi tre mesi, invece, verrà inserito il lavoro specifico con la palla. L’ultimo mese sarà poi dedicato alle partitelle in famiglia.

Un progetto anche con i ragazzi della Devils Basket

La stessa Regione Puglia ha approvato anche il progetto “Insieme possiamo… continuare”, presentato dal centro Devils Basket dell’istruttrice Fabiana Liquori sulla scorta del precedente “Insieme possiamo”, che da novembre 2018 a luglio 2019 ha offerto ai ragazzi con sindrome di Down la possibilità di vivere l’esperienza del gioco di squadra nel basket.

I ragazzi coinvolti nel nuovo progetto sono 17, ovvero coloro che frequentano il centro diurno “Casa nostra”, gestito dalla sezione di Lecce dell’Associazione italiana persone down. Nel percorso ci sarà il coinvolgimento dei “diavoletti” della Devils Basket: ragazzi con sindrome di down e giocatori normodotati svolgeranno esercizi insieme, nel segno dell’inclusione e dell’integrazione continua.

Considerato quanto già svolto nella prima edizione e vista la soddisfazione dei genitori e degli stessi disabili, per il nuovo progetto si è pensato di dividere i ragazzi in gruppi che, alternandosi, affiancheranno gli istruttori della Devils Basket nelle lezioni pomeridiane, durante i corsi di minibasket, passando così da giocatori ad allenatori. Il progetto beneficia della partnership con Asc (Attività sportive confederate), Aipd e Sport Salento.