Somministrazioni a chi si occupa di disabili: 2mila nell’Asl leccese. “Ci sono i vaccini!”: caserma assediata per una falsa notizia

698

Gallipoli – Nelle due giornate, Pasqua e pasquetta, dedicate alle vaccinazioni di caregiver (chi si occupa di persone non autosufficienti) e familiari conviventi di under 16 con disabilità grave, sono state coinvolte circa 13mila persone in Puglia, le quali hanno ricevuto la prima dose.

La campagna di vaccinazione anti Covid nella Asl Lecce è proseguita anche oggi, giorno di Pasquetta. Tra ieri e oggi sono stati comunque circa 1.500 i caregiver e familiari conviventi di persone con gravi patologie vaccinati nei 10 centri della Asl, dove le operazioni sono ancora in corso.

Somministrazioni anche a Gagliano e Otranto

A questi si aggiungono 316 over 80 vaccinati il 4 e il 5 aprile nella sede del Distretto di Gagliano del Capo; 102 nel punto vaccinale allestito nel Comune di Otranto solo nella giornata di oggi.

Situazione al limite del dramma invece nei pressi della caserma Zappalà di Lecce, individuata come centro per le somministrazioni dei vaccini. Qualcuno stamattina ha fatto girare un “appello”  a recarsi presso la caserma perché si temeva rimanessero dosi data una iniziale scarsa affluenza. Le conseguenze di questa errata informazione (rappresentate nella foto) sono state l’arrivo in massa presso il centro vaccinazioni con conseguente grave e prolungato assembramento.

C’è voluta una nota dell’Asl (vaccini solo ai prenotati e per una particolare fascia di persone) diffusa anche dagli altoparlanti della caserma per far tornare la situazione alla normalità.