S’imbuca anche in un matrimonio il Covid: cento persone in isolamento. Altri due decessi. Occhi puntati sui 220 tamponi di Seclì

4087

Seclì – È il focolaio dalle dimensioni ancora tutte da definire di Seclì ad attirare, per quanto riguarda la provincia leccese, le maggiori attenzioni nel giorno in cui si registrano solo un caso di nuovo contagio, su cui si sta indagando.

Sono circa 220 le persone, tra operatori e ospiti, coinvolte nella Rssa Santa Laura e il collegato centro diurno socio educativo riabilitativo. I sintomi avvertiti da una operatrice sarebbero all’origine degli approfondimenti che hanno portato, almeno finora, ad una decina di positivi.

Numeri destinati a salire

Nella prima dichiarazione del Sindaco Antonio Casarano sul caso, se ne contavano cinque (due operatori e tre assistiti), passati a sette solo relativamente ai frequentatori di Galatone. Oggi fonti non confermate parlano di una decina e tutti sperano che si fermino a questo dato e che non arrivino brutte sorprese ai tamponi a tappeto fatti a tutti.

In paese sono state sospese le iniziative pubbliche programmate. Alla “Santa Laura” ed al centro diurno ci sono ospiti provenienti da numerosi paesi della provincia. Tra il centinaio di operatori sociosanitari solo due sarebbero di Seclì.

Chiusi alcuni uffici comunali

Parlando ancora di chiusure, da annotare quella dell’Ufficio di Polizia urbana di Bitonto, dopo la positività riscontrata in un vigile; ora sono tutti in stato di isolamento. Per gli stessi motivi uffici chiusi a Trinitapoli. Più grave il dato dei decessi delle ultime 24 ore, tornati a far salire i numeri della colonnina “morti”. Gli ultimi sono di Bari e Foggia.

Sui 1.641 test effettuati, i contagiati sono risultati 43, di cui 22 a Bari, che continua ad essere in questa fase il territorio maggiormente colpito. Quattordici sono del Foggiano; uno della Bat. Aumentano anche le persone che hanno segnalato i sintomi che rimandano al coronavirus, risultate poi positivi.

Un matrimonio ko

Nel Foggiano si è impegnati a ricostruire la catena di contagi emerse durante una cerimonia nuziale. Tutti e cento gli invitati sono ora in isolamento: quelli residenti in Puglia (46) sotto osservazione dell’Asl foggiana; gli altri sono stati segnalati alle Asl di provenienza.

Nel Tarantino infine il Sindaco, dopo un forte richiamo al senso di responsabilità dei cittadini ed al rispeto delle regole anti contagio, ha annunciato la distribuzione di mascherine a tutti i residenti. Dai controlli nella movida si segnalano le sanzioni ad un parrucchiere ed ai titolari di due locali: non indossavano le mascherine.