“Siamo positivi al Covid”: il messaggio dei titolari di un alimentari a Tuglie

18881
La Puteca te li Papaionaca (foto d’archivio)

Cari concittadini, amici, clienti e  familiari.
È con triste rammarico che vi comunico che io, mia moglie, mia sorella e mio cognato abbiamo contratto il virus della Sars-CoV-2.

Questa mattina abbiamo [mercoledì 28 ottobre, ndr] ricevuto la notizia della positività di mia sorella e consorte, quindi, con la massima urgenza io e mia moglie abbiamo effettuato il tampone in metà mattinata. Risultati arrivati tempestivamente nel pomeriggio.

Tengo a precisare che, come specificato dagli organi competenti, né io né nessun altro venuto a contatto con la famiglia di mia sorella si è recato in negozio nella giornata di oggi  e che la stessa, prima di scendere qui a Tuglie ha effettuato il tampone che aveva esito negativo.

Io e mia moglie siamo asintomatici. Mia madre e mio zio presentano sintomi Covid e sono in isolamento fiduciario sino all’intervento dell’Asl.

La mia attività [La Puteca te li Papaionaca, ndr] è rimasta aperta questa mattina [28 ottobre, ndr] perché le direttive Asl consentivano di farlo in quanto i miei collaboratori non sono venuti in contatto diretto con mia sorella e mio cognato. Quello che il nostro staff ha deciso nella giornata di oggi è stato costantemente sotto consulto e consiglio medico, sulla base di direttive sull’iter da seguire nel caso specifico.

Per ovvie ragioni, La Puteca te li Papaionaca rimarrà chiusa fino a quando tutto questo non sarà passato.

Chiunque ritenga di aver avuto contatti stretti con noi o con i miei collaboratori è pregato di contattare il proprio medico di base, per farsi guidare e spiegare come comportarsi. Da quando è iniziato tutto questo surreale avvenimento che ha colpito tutto il mondo, abbiamo adottato tutte le misure necessarie a evitare il contagio.

Purtroppo il virus è subdolo e quelli che sino a ieri nel nostro paese non ci credevano, beh ragazzi è proprio qui dietro l’angolo. Indossate le mascherine, rimanete a un metro di distanza, lavatevi le mani con frequenza.

Mi dispiace che la nostra Tuglie non compromessa ora lo sia.
Ringrazio tutti per la solidarietà che state dimostrando a me e a tutta la mia famiglia.
Quando sarà tutto finito vi aspetteremo nella nostra umile attività, più forti di prima. Ci vediamo presto.

Un saluto a tutti da La Famiglia Papaionaca e tutto il suo staff