Si può fare insieme a chi già lo fa

1648

fernando d'aprileDa oggi cominciamo la navigazione per il quarto anno in terre conosciute ma mai per quanto le conosciamo adesso. Ce lo dite voi; lo stesso vale per noi: abbiamo cercato di usare nuovi occhi nel raccontarci più in profondità, più compiutamente, più diffusamente.

“Ricambio gli auguri a te per il tuo meraviglioso giornale di cui non possiamo più fare a meno, grazie di esistere Piazzasalento”, scrive su facebook l’amico Arturo che come altri si chiede: “Cosa possiamo fare per sostenervi?”. Un amministratore di questi Comuni con gli auguri lascia una ammissione: “Lo sappiamo, per voi che offrite un servizio importante noi non facciamo nulla…”.

Sì, si può fare qualcosa, però, anche piccola ma preziosa di questi tempi. Come quelle decine di lettori che hanno sottoscritto un contributo: il giornale lo ricevono a casa “per sentirsi parte di questa avventura, quasi azionisti”. Come quegli inserzionisti che veicolano i loro messaggi diretti a voi da queste pagine:  perchè è efficace e perchè “il giornale deve continuare così”. Come quelle associazioni che si sono “abbonate”, non solo perchè per tre anni abbiamo prestato attenzione a  ciò che facevano. Come quelle scuole che si servono di noi per i corsi di linguaggio giornalistico.

Sì, si può fare qualcosa: spingere. Con chi già lo fa.