“Sere d’estate” a Mancaversa, tra teatro, pizzica e la Notte per Beethoven

837

Mancaversa (Taviano) – Proseguono a Mancaversa (Marina di Taviano) gli appuntamenti  promossi dall’Amministrazione comunale nell’ambito della rassegna “Sere d’estate”.

Quest’oggi alle 21.30 presso il Parco jonico quarto e ultimo appuntamento della rassegna teatrale “Premio sipari di periferia” con lo spettacolo “Le ultime lune” di Furio Bordon a cura della compagnia “La Busacca – Teatro stabile del Salento”. L’ingresso è  libero senza prenotazione, con rispetto delle norme anti-contagio:è obbligatorio entrare nell’area evento con la mascherina indossata, occorre evitare gli assembramenti mantenendo il distanziamento e si richiede agli spettatori di arrivare una mezz’ora in anticipo per poter espletare tutte le procedure richieste dalle linee guida.

La pizzica dei Mustisci

Sabato 29 è in programma il concerto di pizzica dei “Mustisci(di Matino) mentre domenica 30 c’è la  seconda edizione di “Parla piano – Notte per Beethoven” proposta dall’associazione “Eleusi” nel 250° anniversario della nascita del grande compositore tedesco.

L’associazione “Eleusi” (presidente Alessandro Licchetta; Luca Antonio Esposito vicepresidente; Andrea Sequestro segretario e Antonio Chiarello tesoriere) e nata di recente allo scopo di far conoscere le diverse influenze culturali del Salento, organizzando concerti musicali, festival letterari, dibattiti su varie tematiche ma anche  degustazioni e convegni a tema.

La Notte per Beethoven

Nel corso della serata di esibiranno gli artisti Alessandro Licchetta, pianista e avvocato 26enne di Corsano che ha pure conseguito la laurea di primo livello in Pianoforte presso il conservatorio “P. I. Tchaikovsky” di Nocera Terinese e quella di secondo livello in Pianoforte Cameristico. presso il Conservatorio “T. Schipa” di Lecce, vincitore di numerosi concorsi anche all’estero.

Cristian Musio si è diplomato in viola presso il conservatorio “Tito Schipa” di Lecce nel 2015 e nello stesso anno è entrato a far parte dell’Orchestra giovanile italiana. Nel 2016 è “Prima viola” presso il teatro alla “Scala” di Milano, e l’anno successivo partecipa, sempre nello stesso ruolo, nell’orchestra diretta dal maestro Riccardo Muti. Numerose le sue collaborazioni e diversi anche i premi conseguiti.

Gabriele Musio si è diplomato presso il conservatorio musicale “Tito Schipa” di Lecce, nel 2017, ha conseguito, sempre nello stesso conservatorio, la laurea magistrale, con il massimo dei voti e la lode. Diversi i primi premi conseguiti in numerosi concorsi.