Il serbatoio non “tiene” e il gasolio va in falda: allarme ad Aradeo

7056

ARADEO – Il serbatoio di gasolio non “tiene” ed è allarme ambientale ad Aradeo. Quest’oggi, infatti, il sindaco Luigi Arcuti ha firmato un’ordinanza con la quale vieta di estrarre acqua dai pozzi che ricadono nell’arco di 300 metri dall’impianto di distribuzione carburanti dell’Eni di piazza Osanna (non lontano dal cimitero sulla via per Galatina). È stata la stessa società petrolifera a comunicare la “mancata tenuta di un serbatoio di gasolio” e, pertanto, una situazione di potenziale “contaminazione ambientale”. Sono state poi le analisi condotte dall’Arpa Puglia ad alcuni campioni di acqua sotterranea a confermare la presenza di valori “non conformi” delle Concentrazioni soglia di contaminazione (Csc). Il sindaco, avvalendosi del potere di emanare provvedimenti “con tingibili e urgenti” al fine di prevenire gravi emergenze sanitarie, nonché pericoli per la salute pubblica, ha dunque emanato l’ordinanza in questione rivolgendosi a proprietari e utilizzatori di tutti i pozzi (provvisti o meno di autorizzazione) anche per il solo fine irriguo. Il provvedimento è stato trasmesso al Servizio bonifica e rifiuti della Regione, al Settore Territorio ed ambiente della Provincia, all’Arpa Puglia, alla Asl di Lecce, all’Acquedotto pugliese ed anche a carabinieri e polizia municipale.