Seclì, tutto pronto per la 17esima edizione della “Sacra te la carne te cavaddhru”

2252

Sagra cavaddrhu a Seclì
Sagra cavaddrhu a Seclì
PzzSlnt_32_01.inddSeclì. Pro loco impegnatissima per gli ultimi preparativi della 17a edizione della “Sacra te la carne te cavaddhru”, che si terrà venerdì 21 e sabato 22 agosto negli spazi adiacenti il palazzo dei Duchi D’Amato, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. In prima fila il presidente dell’associazione Giancarlo Scarlino per il quale “questa iniziativa, che coinvolge tantissimi cittadini, può essere una buona occasione per promuovere e far conoscere ai turisti il paese, uno dei centri medioevali più interessanti della Provincia”. Per Scarlino la maggiore soddisfazione è vedere “un numero grandissimo di giovani appassionati all’iniziativa, segno certo di continuità fra passato e futuro”. Su tutti e tre gli ingressi del paese grandi striscioni preannunciano l’evento che avrà come piatto principe la carne di cavallo. La si potrà gustare alla brace in forma di fettine e salsicce oppure sotto forma di involtini con formaggio e mortadella cotti al sugo. E ancora, fatta in polpette o a ragù quale condimento della pasta fatta in casa. Per non parlare delle apprezzatissime “’ntrame” (interiora), cotte al sughetto secondo una secolare ricetta locale. Con la carne si potranno gustare melanzane e peperoni arrostiti, pittule (semplici o alla pizzaiola), patatine, “lacciu” da consumare obbligatoriamente inzuppato nel vino, un ottimo negroamaro locale. Superbi gli spumoni preparati da un noto bar del luogo. Per la musica l’allegria verrà assicurata dalle pizziche degli Ajara Mea e dei Criamu (venerdì 21) e dalla musica di Salvatore Migali e dei Calanti (sabato 22).

Pubblicità