Scuola al via con le misure anti-contagio: ecco le novità per il Comprensivo di Salve-Morciano-Patù

7852
Salve – “La nostra scuola è pronta a ripartire”: sono queste le parole di Veronica Laterza, dirigente scolastica dell’istituto comprensivo di Salve-Morciano-Patù. Anche nei paesi del Capo di Leuca, dunque, banchi distanziati, gel igienizzante e mascherine chirurgiche caratterizzeranno questa nuova partenza con il suono della campanella previsto per il 24 settembre, come in tutta la Puglia.
Gli alunni di Patù che l’anno scorso erano stati ospitati nei plessi scolastici di Salve, rientreranno nel proprio comune grazie all’ultimazione dei lavori di ristrutturazione della scuola primaria e secondaria. Gli alunni della scuola dell’infanzia e della scuola secondaria di Morciano frequenteranno il plesso di via Santa Lucia mentre gli alunni della scuola primaria di Morciano frequenteranno la sede di via Rosenberg a Salve al fine di consentire l’ultimazione dei lavori di ristrutturazione nei plessi di via Cacciatore e di via Risorgimento.

Le regole “comuni”

La dirigente ribadisce le regole comuni per tutte le scuole: «I bambini da 1 a 6 anni non dovranno indossare le mascherine; le maestre e il personale scolastico useranno le visiere; gli alunni della scuola primaria e secondaria, invece, dovranno indossare la mascherina all’entrata, all’uscita e in tutti i contesti in cui c’è il rischio di assembramento».
I ragazzi dovranno recarsi a scuola già muniti di mascherina chirurgica e nei prossimi giorni dovrebbe arrivare la fornitura dal commissario straordinario per l’emergenza.

Lezioni all’aperto “da favorire”

«I banchi sono stati sistemati in modo da garantire il distanziamento richiesto dal Piano scuola. Cercheremo –  precisa la dirigente –  di favorire momenti di ricreazione e lezione all’aperto e potrebbe essere prevista un’uscita a scaglioni con anticipo di qualche minuto per evitare assembramenti tenuto conto dell’organizzazione del servizio scuolabus».
«Con riferimento alla scuola dell’infanzia, ci auguriamo che sia concessa la possibilità di prevedere la nomina di organico aggiuntivo, già richiesto dall’Istituto. Per l’erogazione del servizio mensa –  spiega la Laterza – attendiamo indicazioni da parte delle amministrazioni comunali che ringrazio sentitamente per la sensibilità e la vicinanza dimostrate nel corso delle continue interlocuzioni nel corso dell’intero periodo estivo».

L’invito alla “collaborazione”

Come confermato anche dal premier Conte, non sarà prevista la misurazione della temperatura all’ingresso: «È importante la collaborazione delle famiglie che dovranno controllare la temperatura prima di mandare i propri figli a scuola. È importante che ognuno di noi sia estremamente rispettoso delle regole per garantire il regolare svolgimento delle lezioni».
Tutte le indicazioni sulle norme anti-contagio sono indicate nell’apposito regolamento d’Istituto (pubblicato nel sito Istituzionale www.comprensivosalvemorcianopatu.edu.it ). «La grande squadra dell’istituto comprensivo Salve-Morciano-Patù attende con ansia il suono della campanella il prossimo 24 settembre lasciando alle spalle, speriamo definitivamente, il ricordo di mesi in cui un silenzio surreale risuonava nelle aule e nei nostri cuori», conclude la dirigente.