Scomparsa Francesca Luca: Acquarica perde la sua maestra del giunco

8766
Francesca Luca

Presicce-Acquarica – Francesca Luca, 79 anni, una delle eccellenze acquaricesi dell’arte di intreccio del giunco, si è spenta oggi. I funerali si svolgeranno sabato 26 settembre alle ore 16,30 presso la Chiesa Cristo Risorto (località Acquarica).

Una vita vissuta all’insegna dell’umiltà e della creatività, quella della signora Francesca, che fin da giovanissima si è dedicata con passione all’arte dell’intreccio del giunco, ereditata dal padre Luigi (anche lui maestro di eccellenza) e da sua madre. Con i cestini in giunco (detto volgarmente “paleddu”) e altri materiali (mirto, legno, canne) Francesca, da molti conosciuta come “donna Chicchina”, già da ragazza aiutava economicamente la propria famiglia.

La signora Francesca al lavoro

Artigianato che diventa eccellenza del made in Italy

Una delle ultime eredi sul territorio di un’arte che si tramanda di generazione in generazione da più di un secolo. Insieme alla sua famiglia, Francesca Luca ha saputo custodire l’antico metodo della lavorazione del giunco senza mai modificarlo per adeguarsi alle logiche di mercato. Per il suo talento è stata chiamata a insegnare in numerosi corsi rivolti ai più giovani e non solo, anche in collaborazione con diversi enti locali.

Fra le sue creazioni, particolari sono i trulli in giunco, emblema della Puglia, e le borse esposte in importanti negozi di Milano, Parigi, Montecarlo e persino in Giappone. Un’arte apprezzata anche al White Show di Milano, al Salone internazionale della moda e degli accessori, al palazzo nobiliare Bahmetev di Mosca, e poi a Parigi e Montecarlo.

Telecamere per la signora Francesca

Insieme alla figlia Anna Siciliano (stilista di moda), al marito Cesarino e al figlio Patrizio, donna Chicchina ha fondato anche un’azienda familiare, la “Siciliano italian handmade”, annoverata fra le eccellenze del made in Italy.

L’attenzione di cinema e tv

Francesca Luca e la sua famiglia compaiono nella pellicola del 2012 del regista acquaricese Carlo Michele Schirinzi “Natura morta in giallo”, dove si racconta l’antica arte del giunco con i volti dei suoi ultimi artigiani.

Le borse e i lavori di donna Chicchina sono finiti poi sul set di diverse trasmissioni televisive nazionali e al cinema in film quali “The Passion” di Mel Gibson e “Odio l’estate” di Massimo Venier, con Aldo, Giovanni e Giacomo.

L’assegnazione del Premio Giunco

Non solo arte e tradizione ma anche innovazione, che nel 2018 ha fatto conquistare a Francesca Luca il Premio Giunco come maestra di eccellenza in quest’arte. Un particolare riconoscimento al merito, per il suo legame con il territorio salentino e per un’arte che oggi resta preziosa eredità delle nuove generazioni e di tutta la comunità.