Sarà “Parco delle Serre ioniche”

2008

cripta del crocefisso della macchia - tra taurisano e casarano (3)

CASARANO. Un grande parco naturale, dai comuni del Capo di Leuca sino a Gallipoli e Galatone, per valorizzare le risorse naturalistiche della zona intercettando risorse finanziarie. Lo prevede l’adesione di Casarano al progetto “Patto città-campagna” redatto nell’ambito del Piano paesaggistico territoriale regionale (“Pptr”). L’obiettivo degli Enti coinvolti è quello di poter sviluppare, con adeguati finanziamenti comunitari (si punta ai fondi Po Fers 2014/2020) o nazionali, il parco agricolo delle Serre ioniche.

L’ambizioso progetto prevede che i 24 comuni coinvolti (con Casarano ci sono Acquarica del capo, Alezio, Alliste, Collepasso, Galatone, Gallipoli, Matino, Morciano di Leuca, Neviano, Parabita, Patù, Presicce, Racale, Ruffano, Salve, Sannicola, Seclì, Specchia, Taurisano, Taviano, Tuglie e Ugento) con la sottoscrizione del relativo protocollo conferiscano delega alla Provincia di Lecce per la successiva firma di un accordo con la Regione per l’attuazione del “Pptr”.

L’adesione di Casarano è stata ratificata in una recente delibera della Giunta comunale guidata dal sindaco Gianni Stefàno (Pdl). La costituzione del parco ha per obiettivo la valorizzazione del territorio dei Comuni aderenti nell’ottica di un auspicato “sviluppo sostenibile”.

«Abbiamo aderito con grande interesse a questa iniziativa coordinata, della quale è promotrice la Provincia di Lecce, perché ci dà la possibilità di fare una programmazione condivisa per il recupero e la valorizzazione del territorio e per la tutela del patrimonio identitario del Salento delle Serre», si legge in una nota congiunta degli assessori Paolo Bandiello (Lavori pubblici) e Ottavio De Nuzzo (Ambiente).