Sannicola, per Pasqua riapre la chiesa di periferia

1862

girolamo specchairello - presidente san pietro e paolo 2014 il presidente(27)SANNICOLA. In fermento la comunità che si riunisce attorno alla chiesa dei Santi apostoli Pietro e Paolo per la preparazione dei riti pasquali e in particolare per l’allestimento del “repositorio” (il cosiddetto “sepolcro”). La chiesa, aperta nel 1979, non è più parrocchia da sette anni, da quando fu accorpata a Santa Maria delle Grazie, ma un gruppo di fedeli ne cura l’ordine nella malcelata speranza che possa ritornare in piena attività. «A oggi si celebra la messa d’estate la domenica sera e si svolge attività in occasioni speciali, come appunto la Pasqua ma faremmo i salti di gioia se tornasse in vita la nostra parrocchia» commentano le fedeli che hanno portato dolci e altri generi di conforto agli uomini che stanno costruendo la scenografia in legno e pietra.

«Questa è una chiesa di periferia, in una zona che di recente ha avuto una grande espansione. L’iniziativa del Comitato vuole portare una ventata di entusiasmo per favorire l’incontro con la fede e la condivisione» prosegue la fedele Maura Mezzi. «È stato facile trovare volontari che danno il loro contributo in termini di tempo e lavoro per mantenere vivi la tradizione e lo spirito di comunità e siamo aperti a tutti» conclude Girolamo Specchiarello (foto), presidente del comitato Festa San Pietro e Paolo.