Letture in biblioteca a Salve

Salve-Patù – “Cuntame lu mare – La Biblioteca del mare”: questo il titolo del progetto con cui i Comuni di Salve e Patù hanno concorso al bando “Città che legge” indetto dal Cepell (Centro per il libro e la lettura), classificandosi al primo posto nella graduatoria nazionale fra i Comuni con meno di 5mila abitanti. Nelle casse dei due Comuni arriva così un finanziamento complessivo pari a 10mila euro, spendibili in attività di promozione del libro e della lettura.

Vincono anche altri Comuni salentini. Il bando era rivolto ai Comuni che hanno già ottenuto nel maggio scorso la qualifica di “Città che legge” per il biennio 2018-2019. Fra i 25 progetti finanziati in tutta Italia, in provincia di Lecce sono risultati vincitori anche quelli presentati dai Comuni di Carpignano Salentino, Caprarica di Lecce, Corsano e Aradeo. Obiettivo dell’iniziativa è promuovere e diffondere l’abitudine alla lettura attraverso un’azione coordinata delle varie strutture presenti sul territorio (biblioteche, librerie, scuole, Asl), coniugando il valore formativo della lettura con la sua dimensione ludica.

Il progetto presentato da Salve e Patù prevede una rete di attori e partner che saranno direttamente coinvolti fin dalla fase di progettazione delle attività̀ laboratoriali: tra questi l’Istituto Comprensivo di Salve, Morciano di Leuca e Patù, la Biblioteca comunale di Salve (gestita dalla cooperativa Imago), l’Associazione nazionale marinai d’Italia (Anmi) sezione di Salve, i lidi balneari, il Porto Museo di Tricase, l’associazione Magna Grecia Mare e l’associazione culturale Narrazioni. La prima fase del progetto si svolgerà presso le biblioteche comunali di Salve e Patù, e sarà incentrata su “li cunti” degli anziani e su letture di classici e opere più recenti aventi come tema “il mare”.

Pubblicità

Cortometraggi e libri anche in spiaggia. Gli allievi dell’Istituto comprensivo Salve-Morciano-Patù (retto dalla dirigente Chiara Vantaggiato) verranno suddivisi in quattro fasce d’età̀, tra i 3 e i 14 anni: a loro il compito di partecipare attivamente al progetto attraverso la produzione di un cortometraggio animato. In seguito, durante l’estate, la Biblioteca del mare raggiungerà̀ le vicine marine attraverso l’istituzione di un punto lettura negli stabilimenti balneari “Bagni Marinelli”, “Lido Venere”, “Maldive del Salento” e “Le Cinque vele”, con una bibliografia disponibile alla consultazione e al prestito, l’organizzazione di incontri di lettura ad alta voce e la presentazione di libri.

 

 

Pubblicità

Commenta la notizia!