La presentazione di Salentoinbus in Provincia
Il presidente Stefano Minerva e il direttore generale Gianni Refolo durante la presentazione di Salentoinbus in Provincia

Gallipoli – Dal prossimo 1° giugno fino al 30 settembre ritorna il servizio di SalentoinBus che ormai da 20 anni rende possibile la mobilità di turisti e residenti durante il periodo estivo. Le linee colorate tracceranno ancora i percorsi dei pullman che percorreranno le strade del Salento accompagnando i turisti nelle località costiere e non solo. Tra le novità di quest’anno, infatti, c’è la possibilità di raggiungere anche i centri turistici dell’entroterra.

Dieci le linee principali che collegano Lecce e le località costiere, integrate da altre 17 linee secondarie che  permetteranno di raggiungere tutto il territorio provinciale: Linea 101: Lecce – Torre dell’Orso – Otranto; Linea 102: Gallipoli – Maglie; Linea 103: Maglie – Santa Cesarea Terme – Castro – Marina di Andrano; Linea 104: Lecce – Porto Cesareo – Gallipoli; Linea 105: Otranto – Santa Cesarea Terme – Castro – Santa Maria di Leuca; Linea 106: Lecce – Maglie – Otranto; Linea 107: Lecce – Maglie – Tricase – Santa Maria di Leuca; Linea 108: Lecce – Gallipoli – Santa Maria di Leuca; Linea 109: Galatina – Gallipoli – Pescoluse; Linea 110: Porto Cesareo – Riva degli Angeli.

SalentoinbusUna novità importante e attesa da tempo è la linea 109 che fa tappa a Galatina, il cui patrimonio architettonico è oggetto di desiderio di tanti turisti.

Pubblicità

Così commenta la novità il presidente della Provincia Stefano Minerva: «Noi immaginiamo  SalentoinBus come il modo per dare la possibilità a chi arriva a Brindisi o a Lecce, in aereo o in treno, di raggiungere le principali località balneari della costa salentina, ma al tempo stesso guardando al turismo culturale, che è in crescita, immaginiamo Salento in Bus come un servizio che trasporta i turisti che vengono qui anche per visitare i centri storici dell’entroterra e scoprire le bellezze del barocco. Galatina è un centro importante per la storia e la cultura del nostro territorio. Inoltre, abbiamo introdotto la possibilità in più per gli utenti di fare il biglietto unico in qualunque luogo d’Europa o del mondo siano». Tuttavia, altri importanti centri dell’entroterra (fra cui Casarano) restano ancora fuori dal percorso di SalentoinBus.

Integrazione con i mezzi a lunga percorrenza. Come gli anni scorsi, SalentoinBus guarda a fare rete con gli altri mezzi di trasporto, aerei e treni. Dal capolinea per le corse che transitano a Lecce (il City terminal di piazzale Carmelo Bene), sarà possibile raggiungere, con le navette disponibili o le linee urbane, gli aeroporti di Brindisi e Bari e la stazione di ferroviaria di Lecce.

Si potranno anche raggiungere la Valle d’Itria e San Pancrazio salentino utilizzando il collegamento con altri vettori (Fse e Stp Brindisi). Resta confermata la tappa di Alessano, avviata sperimentalmente lo scorso anno nel 25° anniversario della morte di don Tonino Bello (linea 107).

Ecco le novità tecniche: possibilità di acquistare il biglietto on line attraverso l’app MyCicero, da sito web e da smartphone; biglietto unico integrato su tratte disponibili sulla stessa piattaforma MyCicero. Inoltre, saranno attivati infopoint e un call center multilingue per fornire assistenza agli utenti.

Pubblicità

Commenta la notizia!