“Salento Mundial”, quando a fare gol è l’integrazione. A Gallipoli torna la Coppa delle comunità migranti

La manifestazione viene proposta dal 9 all’11 dicembre da Caroli Hotels e dall’Asd Capo di Leuca

373

Gallipoli – Tre giorni di sfide sul campo di calcio all’insegna dell’integrazione e della solidarietà.  Torna a Gallipoli “Salento Mundial”, ovvero la coppa delle comunità migranti, che per la quarta edizione ripropone sfide amatoriali “per promuovere e favorire la cultura identitaria delle Comunità residenti in Italia e, allo stesso tempo, l’interazione e l’integrazione tra le stesse”.

Lunedì 9 dicembre alle 18 si terrà la cerimonia di presentazione nel chiostro dei  Domenicani (borgo antico): “No al razzismo” è lo slogan adottato per sensibilizzare il pubblico contro l’intolleranza.  L’iniziativa rientra nel progetto nazionale denominato “Rete!” avviato nel 2015 dalla Figs con i settori giovanile e scolastico, finalizzato a favorire i processi di inclusione ed integrazione attraverso il calcio.

Le gare al centro sportivo Montefiore

La manifestazione viene proposta dal 9 all’11 dicembre da Caroli Hotels e dall’Asd Capo di Leuca. Tra le formazioni partecipanti  quella della Caritas diocesana Nardò-Gallipoli, Terra d’asilo Sprar San Pietro Vernotico e Arci Lecce. Dopo le sfide sul campo di calcio, in programma presso il centro sportivo Montefiore , il confronto tra le varie comunità migranti (provenienti da Gambia, Mali, Guinea, Costa d’Avorio, India, Pakistan, Senegal e Somalia) ed il territorio salentino continuerà con “Salento Mundial Food Festival”, con i giocatori protagonisti ai fornelli nelle cucine dei Caroli Hotels nel preparare piatti tipici delle loro terre di provenienza.

Un riconoscimento speciale verrà riservato alla squadra dell’Asd Refugees della  Cooperativa Rinascita Copertino, presieduta da Antonio Palma ed allenata da Vincenzo Nobile, che partecipa al campionato di Terza categoria.