Sagra storica per tutti i gusti

1883

sagra te la carne te cavaddrhu

SECLÌ. La “Sacra te la carne te cavaddrhu”, in programma il 17 e 18 agosto, si preannuncia come l’evento più importante della “Festa estate” secliota. Il Castello, con gli stupendi giardini recentemente restaurati,  fornirà la cornice ideale per la manifestazione organizzata dalla Pro loco. Gli stands saranno tutti sistemati intorno al palazzo che per l’occasione sarà probabilmente aperto al pubblico. Si potranno, in tal modo, ammirare le sue sale in gran parte restaurate.  Per i visitatori locali e per i turisti italiani e stranieri che, come negli anni scorsi, si prevede giungeranno a Seclì, le abili cuoche del paese prepareranno circa 20 quintali di carne di cavallo, pronte a soddisfare anche i palati più esigenti.

Per la 15ª edizione della sagra, sarà possibile gustare la carne in ottimi arrosti (salsiccia e fettine). Oppure sarà possibile assaggiare gli ormai famosi “pezzetti di cavallo al sugo” di Seclì, preparati secondo antiche tradizioni, con ricette tramandate da generazione in generazione. Non mancheranno polpette fritte, involtini (con fettina e ripieno) e la “bresaola di cavallo” che sarà preparata in gustosi piatti con rucola e grana. I contorni saranno  quelli tipici della cucina salentina: pittule (bianche o alla pizzaiola), peperoni e melanzane arrostite, il “laccio” da gustare con l’ottimo vino rosso o rosato, rigorosamente fatto con uve di negroamaro salentino. Per i dolci si potranno gustare ottimi “spumoni”, i dolci tipici di matrimoni, battesimi e cresime del passato. La musica sarà naturalmente la pizzica salentina per entrambe le serate.