Sagra del grano: comitato al lavoro per preparare l’appuntamento clou dell’estate

4168

Foto sagra del grano  acquarica  edizione 2014 (2)ACQUARICA DEL CAPO. Nella suggestiva location medievale della Masseria fortificata di Celsorizzo,  dal 31 luglio al 2 agosto 2015, si svolgerà la 6^ edizione della “Sagra del grano” promossa dal “Comitato Sagra del Grano” il cui nuovo direttivo è guidato dal presidente Sergio Ponzo, da Fabio Duca, Maria Antonietta  Torsello, Giuseppe Ramirez, Fernando Longo e Luca Pirelli, mentre la Direzione artistica è curata da Rosanna Quarta (Quarta Agency Event & Comunication di Lecce).

Tantissime le novità in continuità con la tradizione e l’esperienza delle precedenti edizioni che hanno visto un’affluenza  record di più di 30.000 presenze . Quest’anno sul palco avremo  i Sud Sound System che apriranno la prima serata della sagra; i Mascarimirì,  in una pizzica rivisitata in chiave elettronica; Indiano Salentino; Sciacuddhuzzi e Bar Italia. Una grandissima novità, di portata internazionale è la presenza  sul palco dei Creedence ClearWater Revived, direttamente dagli Stati Uniti, uno dei più importanti rock’n’roll group di ogni genere, della cultura “on the road” degli anni ’60 e ’70 che ha fatto la storia della musica mondiale.  La formazione attuale del gruppo, oltre a Johnny “Guitar” Williamson prevede il grande cantante Peter Barton, l’eclettico Chris Allen al basso ed alla batteria  il “Santa Claus of RockandRoll”, Wally Day.

«L’intento – dichiara Rosanna Quarta –  è quello di potenziare l’ottimo lavoro svolto dalle scorse edizioni coniugando la tradizione musicale tipica del Salento, ossia la pizzica, con altri ritmi e stili musicali  per allargare l’affluenza ad altri utenti dai differenti gusti musicali attraverso contaminazioni di respiro internazionale». L’obiettivo  sarà  una festa globale con un messaggio legato al rispetto della natura. Lo slogan scelto per questa edizione è ”il Grano è Vita”, da cui si prenderà spunto per  il recupero in agricoltura dei metodi tradizionali attraverso la degustazione di menù basati su antiche ricette.