Sac, assegnato il bando per la gestione della mobilità lenta

2049
colonia stajano maggio 2015
L’ex colonia Stajano immersa nel verde e, in basso, Giulia Tenuzzo

giulia tenuzzoSANNICOLA. Aggiudicate alla società “I Ciclopi” di Gallipoli le attività per la gestione di servizi a supporto della mobilità lenta del Sac “Salento di mare e di pietre” per l’importo di 89mila euro. La società è il tour operator di cui Salento bici tour di Casarano, l’associazione da anni impegnata nel cicloturismo, è espressione. La gestione riguarda l’ex colonia Stajano, come centro di ciclabilità e il castello di Felline, il palazzo ducale a Seclì e Torre Suda (presso lo Iat) come punti di assistenza. «Partiremo immediatamente con le attività – spiega Giulia Tenuzzo, una della anime del Salento Bici Tour – già dal 23 al 26 maggio saremo nella colonia Stajano per un laboratorio di allestimento con materiali di recupero per la realizzazione degli interni. In quella occasione ci farà piacere ricevere quanti vorranno portarci le foto delle loro vacanze nelle colonie che utilizzeremo nell’allestimento o magari per una mostra permanente». Partner del progetto sono i laboratori “Linfa” di Roma e “Città Fertile” di Lecce, “Spazi popolari” di Sannicola, Legambiente di Gallipoli e “Officina turistica” di Felline. Il progetto prevede bici a disposizione dei cicloturisti, punti di assistenza tecnica e turistica e infopoint sul territorio.

«Focalizzeremo la nostra attività – prosegue la Tenuzzo – sullo sport e l’attività all’aria aperta, puntando l’attenzione sui prodotti locali, biologici e naturali. Realizzeremo dei punti di ristoro e di valorizzazione del territorio». Il progetto parte dal 2012 quando il Servizio Beni Culturali della Regione concesse a Sannicola, capofila del Sac il primo finanziamento  di poco meno di 700mila euro per il progetto bandiera. «Abbiamo seguito il processo del Sac sin dal suo nascere e non vediamo l’ora di partire», conclude la Tenuzzo.