Ruffano: arte, teatro e musica in due serate per far rivivere i “luoghi del tempo perduto”

735
Roberta Margarito

Ruffano – I “luoghi del tempo perduto” da riscoprire e far rivivere attraverso la creatività: sabato 12 e domenica 13 settembre, a partire dalle 19,30, le corti del centro storico di Ruffano ospiteranno le esibizioni di diversi giovani artisti nell’ambito del festival dal titolo “Una perdita di tempo”.

Teatro, danza, musica, fotografia, arte, moda e scrittura saranno gli ingredienti delle due serate, organizzate da un gruppo di ragazzi in collaborazione con Made in Soap e Protezione civile di Ruffano, sotto il patrocinio del Comune. La partecipazione agli eventi è gratuita. Prenotazione obbligatoria al numero 348.8868818.

Tutti i giovani protagonisti

Gioele Levantaci

Un’esigenza nata dal dopo quarantena – spiegano gli organizzatori –, quando ci si è interrogati sui reali valori del vivere, quando si è rivalutato il tempo, cercando di capire se sia meglio dedicarlo al lavoro, alla carriera, agli impegni che la vita richiede, o piuttosto a seguire sogni e passioni”.

Gli artisti che animeranno le serate sono stati scelti attraverso una call lanciata nei mesi scorsi sui social. Ci saranno Giulia Tridici e Giulia Ponzetta con le loro mostre permanenti; i ballerini Piergiovanni Moscogiuri, Luca Romano, Alessandra Licci e le 13 ragazze dello Show factory group; la fotografa Roberta Margarito (di Ruffano); Mattia Muratta, Pietro Antonaci, Gioele Levantaci (di Morciano di Leuca), Koinè per l’intrattenimento musicale.

Elisabetta Merico

E poi i pittori Giulia Bisanti e Pietro Antonaci; Shortfilm A.D. e Giorgia D’Amato per la cinematografia; gli illustratori Alessandro Passaseo e  Francesco Scupola; Andrea Piscopiello per la moda; Francesco Toma, Martina  Guglielmo ed  Elisabetto Merico (di Poggiardo) per la scrittura; Monica Falcone e Antonio Bellucci con il progetto “Coma onorico”, che affronta temi sociale i umanistici; il teatro di Tommaso Fiorentino e dei Cirillo’s Brothers.