Roberto Marti, da Sannicola, alla guida delle “piccole imprese” di Confindustria Lecce

2097
Roberto Marti e Vincenzo Portaccio
Roberto Marti e Vincenzo Portaccio

Sannicola – È Roberto Marti il nuovo presidente del Comitato Piccola industria di Confindustria Lecce: il neoeletto resterà in carica per 3 anni e prende il posto del presidente uscente Vincenzo Portaccio.

Le elezioni per il rinnovo del Comitato si sono svolte nella giornata di oggi 14 maggio. Ad affiancare Marti si riconferma come vicepresidente Cristina Mercuri, mentre sono stati eletti come delegati al Consiglio generale di Confindustria Lecce Emanuele Rizzo, Fernando Primiceri e Fernando Gaetani. Delegati al Comitato Piccola industria di Confindustria Puglia, invece, sono stati nominati Cristina Mercuri e l’uscente Vincenzo Portaccio, il quale riveste già il ruolo di vicepresidente regionale.

Il Comitato Piccola industria di Confindustria Lecce
Il Comitato Piccola industria di Confindustria Lecce

Roberto Marti, classe 1968 e laureato in scienze economiche, è fondatore e amministratore unico della Isopharma Cosmetics. L’azienda, nata nel 1999, ha sede nella zona industriale di Sannicola e opera sul mercato high-tech dei dispositivi medici ed elettroestetici e delle preparazioni dermocosmetiche destinate al settore della dermatologia, della medicina estetica e dell’estetica professionale.

Pubblicità

Abbiamo davanti un triennio di lavoro impegnativo – dichiara il neoeletto Marti – e un importante obiettivo che ci poniamo è quello di rafforzare le identità di tutte le componenti settoriali di Piccola industria, facendo sistema tra gli associati, le aziende del territorio e le istituzioni, a supporto di quanto già fatto in passato da chi mi ha preceduto. Sono consapevole che c’è una piccola industria che cresce e innova nella nostra provincia, che condivide le nostre proposte di politica economica territoriale, con la quale vogliamo interloquire. Internazionalizzazione, innovazione e infrastrutture digitali e reali sono le principali tematiche sulle quali lavorare”.

Pubblicità