Rifiuti non riciclabili insieme all’organico: pratiche irregolari nel mirino a Gallipoli. In arrivo controlli dei vigili

1588
Centro storico

Gallipoli – I rifiuti non riciclabili non vanno selezionati insieme all’organico: avviati i controlli per scovare i trasgressori. La situazione irregolare e le correzioni da apportare nell’ambito del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani sono contenuti in una presa di posizione del vicesindaco e assessore all’Ambiente, Giuseppe Venneri, e dal presidente della commissione consiliare Ambiente, Cosimo Nazaro.

Per i due amministratori “la raccolta differenziata porta a porta, avviata lo scorso primo aprile, sta dando ottimi risultati, la città di Gallipoli ha risposto bene al nuovo sistema di raccolta dei rifiuti”. Venneri e Nazaro citano il recente riconoscimento – la menzione speciale – nellpambito della manifestazione “Comune Riciclone” di Legambiente Puglia.

Piano con la Gial Plast 

Una buon risposta – sottolinea l’assessore Venneri – ma tutto ciò non basta. Chiediamo a tutti i cittadini di migliorare la qualità del materiale organico e non riciclabile rispettando quelle che sono le indicazioni che abbiamo fornito in precedenza. Al fine di migliorare la raccolta differenziata – avverte Venneri – partiranno ulteriori controlli da parte del Comando di Polizia municipale per rilevare la correttezza dei conferimenti di tutte le frazioni.”

“Gli ultimi dati sulla differenziata parlano chiaro – interviene il presidente della commissione Ambiente, Cosimo Nazaro – e dice che numerosi sono stati gli errori di conferimento per la frazione organica e non riciclabile. Non si può far finta di nulla, sia che si tratti di cittadini che di attività commerciali. Abbiamo avviato un piano di coordinamento anche con la Gial Plast per ridurre al minimo questo problema.”