Rifiuti e nuova raccolta differenziata a Gallipoli: il Comune incontra i ristoratori del centro storico

1847

Gallipoli – In vista dell’avvio del nuovo servizio di raccolta differenziata domestica, previsto il prossimo primo aprile, il Comune di Gallipoli ha ripreso gli incontri pubblici per informare e istruire la cittadinanza e gli operatori commerciali, con particolare attenzione alle attività che producono grandi quantità di rifiuti anche speciali.

Giuseppe Venneri

Martedì 26 marzo, alle ore 14,30, presso la sala consiliare del Comune, il vice sindaco Giuseppe Venneri, il consigliere delegato Mino Nazaro e i responsabili dell’Aro 11 incontreranno i ristoratori del centro storico per mettere a fuoco le questioni legate alla raccolta differenziata.

Per presentare il nuovo servizio alla cittadinanza, intanto, lo scorso venerdì mattina in piazza Tellini si è tenuta la manifestazione “ImpAro a differenziare”  promossa dall’Ati (associazione temporanea di imprese) composta dalla GialPlast e dalla Colombo Biagio srl in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Vi hanno preso parte gli alunni delle classi quinte delle Primarie e della terza media di Gallipoli. Un’iniziativa per  far conoscere da vicino, attraverso il gioco e lo spettacolo offerto dagli artisti di strada della “Tribù dei Sempre Allegri” le regole del nuovo servizio.

Pubblicità
Titti Cataldi

«Mi auguro che dai più piccoli parta il buon esempio – ha dichiarato l’assessore alla Pubblica istruzione, Assunta Titti Cataldi – per contribuire attivamente e migliorare l’ambiente che ci circonda, la qualità della nostra vita e l’educazione di tutti i giovani».

L’avvio del servizio a Gallipoli è slittato più volte; in parte per alcuni nodi tecnici e logistici da risolvere in parte anche per la lenta risposta dei cittadini nel ritirare le attrezzature e i bidoncini domestici. Ora ci si aspetta che, nonostante qualche difficoltà iniziale, la cittadinanza applichi le regole dimostrando senso civico e attenzione al decoro della città, provando ad alzare la percentuale di raccolta e scalare la classifica dei comuni virtuosi.

Il sindaco Stefano Minerva afferma: «Se iniziamo a differenziare correttamente possiamo crescere in una città più bella e più pulita. Ognuno di noi deve fare la propria parte per vivere in un ambiente migliore».

 

 

Pubblicità