Rifiuti e fototrappole a Gallipoli: “sporcaccioni” immortalati in azione. Il Sindaco Minerva si indigna

1145

Gallipoli – Fototrappole attive e cittadini “sporcaccioni” sanzionati a Gallipoli: a rendere testimonianza dell’attività di controllo del territorio, svolto dal comando di Polizia mucipale, è lo stesso sindaco Stefàno Minerva rendendo note alcune foto eloquenti. «Abbiamo la testimonianza che la prima causa dell’incuria della nostra “amata” città, siamo noi, abitanti di Gallipoli», afferma Minerva nel garantire il “pugno di ferro contro tutti questi furbetti: i controlli sono attivi e continueranno in tutte le zone della città. Non ci sono sconti per chi non rispetta Gallipoli”.

Il Sindaco Minerva

Stefano Minerva

«Oggi – afferma Minerva – decido di rendere noto solo una delle tante testimonianze riscontrate su tutto il territorio gallipolino dove sono attive le fototrappole. Dirlo, dimostrare con le immagini e testimoniare forse, può essere il vero inizio di questa battaglia culturale».

Le foto

Dalle foto si vede un’automobilista scendere dalla propria auto, in una zona periferica della città, aprire il cofano e gettare per strada dei rifiuti.«Non ci sono altre parole per definire questo scempio. Gesti deplorevoli da parte di chi dovrebbe amare la propria città: è facile urlare ai quattro venti quanto sia sporca Gallipoli per poi comportarsi in questo modo. Non posso più tollerare i commenti da parte degli stessi cittadini in cui giudicano lo sporco in città e l’inadeguatezza del sistema se poi, in prima persona, si contribuisce a rendere la città una discarica», conclude il Primo cittadino.