Rete civica e solidale: da oggi 12 giovani in azione nel Comune di Gallipoli. Per informare, indirizzare ed anche per assistere

2268

Gallipoli – Dodici giovani per realizzare due progetti sociali: inizia oggi il cammino per i 12 selezionati dal Comune nell’ambito del Servizio civile. L’obiettivo degli amministratori comunali è quello di realizzare due progetti di “servizio civile universale”, presentati lo scorso anno e denominati “Rete civica” e “Network solidale”.

“Rete civica”, presentato insieme ai Comuni di Taviano (capofila), Lizzanello e Racale, prevede presso la sede del Comune di Gallipoli quattro operatori volontari che offriranno a cittadini e turisti un servizio di primo orientamento informativo sui servizi del Comune e le modalità di accesso, con un’attenzione particolare al settore delle politiche giovanili.

Occupazione e formazione

A proposito di questo settore, sarà attivato un servizio dedicato ai giovani, alle politiche del lavoro e alle opportunità di animazione culturale. Nell’ambito del settore turistico, si opererà per implementare e destagionalizzare l’attuale servizio informativo turistico (Iat).

Il progetto “Network solidale” – presentato in coprogettazione con i Comuni di Casarano (capofila), Melissano e Taviano – prevede sempre presso la sede comunale l’impiego di otto giovani volontari per svolgere attività di assistenza domiciliare, welfare leggero, in favore dei anziani e adulti in condizioni di disagio.

Precedenza ai meno scolarizzati

In entrambi i progetti è stato riservato un posto per giovani con bassa scolarità – si rileva dal Comune – al fine di favorire l’inserimento e la partecipazione attiva anche dei giovani con un livello più basso di istruzione”.

Va ricordato che il Servizio civile nazionale nasce per diffondere fra i giovani i valori fondanti della democrazia. “Solidarietà, partecipazione, tutela del bene comune, difesa del più debole – si sottolinea – sono alla base della nostra Costituzione e promuoverli significa rafforzare il concetto di patria e sostenere la ricerca della pace”.

I valori del Servizio civile nazionale

I 12 giovani selezionati hanno un’età compresa tra i 18 e i 29 anni e percepiranno un rimborso mensile di 433,80 euro per un monte ore annuo di 1400 ore.

I giovani impegnati nel progetto “Rete Civica” sono Alberto Conversano (28 anni), Aurora Esposito (22), Carlotta Maria Cacciatore (20), Leandro Sgrò (24). Del progetto “Network Solidale” fanno parte: Federica Negro (20), Francesca Trianni (24), Lorenzo Casalino (25), Lorenzo Coribello (28) Lorenzo Mecca (25), Luca Pecorari (21), Maria Antonietta Scigliuzzo (28), Maria Teresa Fiore (25).

(Nella foto del progetto “Rete civica” da sinistra Aurora Esposito, Carlotta Maria Cacciatore, Alberto Conversano, Leandro Sgrò)