Rapine alle Poste: colpo a Taviano (dopo Felline). I carabinieri sulle tracce dello stesso rapinatore

1255
Carabinieri Taviano

Taviano – Continuano le indagini dei carabinieri per individuare i responsabili della rapina avvenuta nel pomeriggio di martedì 7 agosto all’ufficio postale di Taviano. Dalle prime ricostruzioni fatte dai militari della Compagnia di Casarano e dai colleghi della locale Stazione, ad entrare in azione (nel primo pomeriggio, durante il cambio di turno) dovrebbe essere stato lo stesso uomo autore di un simile colpo lo scorso venerdì alle Poste di Felline: stesso l’identikit fatto dai testimoni, ovvero circa 1,75 di altezza, corporatura normale, e soprattutto stessa Fiat Punto grigia utilizzata. L’auto, tra l’altro, è pure risultata rubata qualche giorno fa a Mancaversa. Anche a Taviano, così come accaduto a Felline, il rapinatore è entrato in azione con il volto coperto da un passamontagna riuscendo a farsi consegnare dall’impiegata allo sportello circa 500 euro minacciandola con un fucile a canne mozze (a Felline la rapina ha, invece, fruttato circa 1.600 euro). Un complice, molto probabilmente, avrà atteso il rapinatore in auto per poi fuggire via.

Al vaglio degli inquirenti anche le immagini delle telecamere interne ed esterne dell’Ufficio postale, tra l’altro collocato nelle immediate vicinanze della caserma dei carabinieri, così come le dichiarazioni dei testimoni, alcuni dei quali sono stati soccorsi dagli operatori del 118.