Racale, cancellata la scritta intimidatoria contro il segretario della Lega Alessio Parata. Solidarietà da tutte le forze politiche

782
L’incontro di oggi davanti alla sede della Lega

Racale – È stata rimossa la scritta intimidatoria “Parata devi morire”, frase comparsa lo scorso lunedì sulla porta della sede della Lega di Racale e rivolta ad Alessio Parata, segretario cittadino del partito di Salvini. Una frase che ha provocato lo sdegno di tutte le forze politiche, unite nel condannare il gesto esprimendo solidarietà a Parata.

Nel primo pomeriggio di oggi, infatti, Sindaco, assessori e consiglieri comunali di maggioranza e opposizione – insieme a Donato Metallo (ex Sindaco di Racale e oggi consigliere regionale) e a Sebastiano Procida di Movimento Regione Salento – si sono dati appuntamento in via Francesco Quarta per eliminare la scritta, come aveva proposto il consigliere di minoranza Filippo Marzano durante il Consiglio comunale di lunedì.

Parata: “Andrò avanti per la mia strada”

Sono onorato della presenza del Sindaco, del consigliere regionale Donato Metallo e di tutti gli altri amministratori che hanno voluto ribadire la loro solidarietà – ha dichiarato Parata. – Andrò avanti per la mia strada, nessuno potrà fermarmi. Faccio una politica semplice nell’interesse esclusivo del paese”.

Sulla vicenda si era espresso anche Gianni De Blasi, consigliere regionale della Lega: “Credo che un periodo di profonda crisi economica e di difficoltà per tanti possa a volte anche portare all’esasperazione dei toni. Ma nulla può giustificare atti vandalici e scritte che augurano la morte di qualcuno. Su quest’ultimo episodio spero si faccia al più presto chiarezza”.