Quel giorno che Maradona incantò Casarano: sul prato verde del “Capozza” i palleggi “divini” con un’arancia e pure senza scarpa

16358

Casarano – La notizia della morte di Diego Armando Maradona ha sconvolto il mondo del calcio e ha riportato la memoria di molti, a Casarano, al 5 ottobre del 1985 quando il “Pibe de oro” deliziò lo stadio “Capozza” con i suoi palleggi.

Quel sabato di 35 anni fa il Napoli fece tappa a Casarano per allenarsi in vista della sfida del giorno dopo con il Lecce ed il “Comunale” si riempì in pochi minuti di tifosi e curiosi che non vollero perdersi l’appuntamento con la “storia”.

Lo storico filmato

L’intera città si fermò, con gli studenti di tutte le scuole che grazie ad un veloce passaparola (i “social” erano lontani a venire) si ritrovarono allo stadio per ammirare i giocatori del Napoli ma più di ogni altro il campione argentino, immortalato per l’occasione da un video. Il breve filmato è stato pure postato due anni fa dallo stesso Maradona sulla sua pagina Facebook con il titolo “La mejor forma de sacarse la presión…” (ovvero “Il miglior modo per scaricare la pressione”), un modo originale da parte di Diego per augurare una “buona settimana” ai suoi milioni di followers, “inorgogliendo” ancor di più i casaranesi e quanti, anche dai paesi vicini, ricordano ancora quel giorno con commozione.

Maradona affascinò tutti con il suo talento immenso palleggiando a piacimento sul prato verde del “Capozza”, addirittura senza la scarpetta da gioco, con il suo magico piede sinistro, raccogliendo di buon grado anche la sfida lanciata dal pubblico sugli spalti dando il bis con un’arancia.