“Quannu te cunta ‘u core”, il nuovo libro della scrittrice Ada Garofalo (di Racale): un “canzoniere d’amore in lingua salentina”

1950
Ada Garofalo

Racale – “Quannu te cunta ‘u core”, puoi fare tutto: trattenere il vento e la pioggia, prendere fuoco, oleandri e viole, profumi di rose e gelsomini, una stella, acqua di mare, occhi di un bambino, pane, ricordi, cristalli di colori, raggi di sole per dipingere il mondo. Tutto è possibile se si dà ascolto al cuore. Sono versi che, naturalmente nella dolce lingua salentina, aprono l’ultimo lavoro di Ada Garofalo (di Racale) “Quannu te cunta ‘u core”, appunto. E se il cuore “detta”, come avveniva per gli stilnovisti, non c’è scelta per una donna sensibile: non resta che ascoltarlo e lasciare libero il varco alle emozioni. Succede allora che temi frequenti nella poesia come la natura, il tempo che passa, gli affetti, l’amore, acquistino colori particolari, frutto di sensibilità tutta femminile filtrata dall’esperienza della maternità.

Sono quattro le sezioni che compongono la silloge poetica. La prima “Intra i panzieri” fa quasi da cornice, introducendo tutti i temi che poi saranno oggetto di canto nelle successive. Domina la natura con i suoi paesaggi e i suoi silenzi, in ogni stagione, negli assolati meriggi estivi o sotto la pioggia, e sempre c’è un’abbandonata adesione dell’animo. Come in “Chiove”, dove “Fina fina/se stenne/sus’u core/fina fina/ comu ‘nnu mantu/’a malincunia”. E in “Quannu chiuvìa”, dove la pioggia evoca immagini lontane richiamate da suggestioni acustiche e visive. Numerosi i riferimenti al tempo che passa, tema che può essere letto come il fil rouge che attraversa tutta la raccolta. “A passi cranni cranni/a ssusu ‘u tiempu/ camina ‘a vita” (A passi cranni cranni). E ancora “E passa ‘u tiempu meu/comu babbatu/camina senza scarpe/alli peti/senza ‘nnu lettu/ e senza mancu casa/camina/ intra ‘sta vita/ e ‘ngira e ota” (Nna fimmana sciarrata). C’è il rimpianto per le ore perdute, per il tempo prezioso ma “ruttu e ‘rrapazzatu”. Può succedere che l’animo si arrenda, senza armi né ali, senza braccia per abbracciare, senza colori, senza pensieri, senza una lacrima:“Nna tela/bianca bianca/ete/’u core./Ca osci stau cusì/Senza parole”. (Osci stau cusì).

Un “canzoniere d’amore in lingua salentina”La seconda e la terza sezione, rispettivamente “Fiji mei…”  e “Te amore, e de malincunie”, hanno come oggetto l’amore. In “Fiji mei…”, il termine figli non va inteso in senso stretto, anche se alcune poesie sono chiaramente dedicate ai figli reali. Come il concetto di maternità si espande, così anche quello di figliolanza e il canto della madre poetessa si estende ad abbracciare tutti i figli nell’esortazione e nell’augurio “Cci bbulìa/fiji mei/ccu santiti/intr’u core/’a bellezza/te ‘sta vita/quannu a ‘ncielu/è tuttu niuru/quannu ‘a notte/sta bbe pare/scura scura” (Quannu è niuru). La terza sezione, come la definisce Luciano Pagano nella postfazione, è davvero un “canzoniere d’amore in lingua salentina”. È un bene “cranne e forte” che le dà forza di caminare “taritta e sula” (Mmenzu ‘sta via), che non accetta compromessi “Lassame/ quannu ‘u core tou/cchiùi nu’ sse dduma/lassame/ e nnu’ tte nne curare/…lassame sula” (Làssame), che la spinge a implorare “nu’ mme lassare sula…/guarda comu chiove/” (Nu’ mme lassare sula). Amore struggente nelle due canzoni in cerca di una musica “Finu alla fine” e “Eri ttanire occhi”.

“Diu…Nui…l’Anima” è il titolo della terza sezione, più introspettiva, dove trovano spazio le universali ed eterne domande dell’uomo di fronte alla constatazione che la vita passa, perché “Se perde ‘a mente umana/ca è piccinna/giratu l’angulu/t’u munnu ca sapimu” (E poi se ferma). Bella una pagina di prosa (che è poi poesia) in cui emerge fragilità e insieme una forza insospettabile nelle domande rivolte a Dio e nell’attesa di risposte: “E stau sulu cu’ mie, mentre Te spettu… finché nu’ mme rispunni” (Cu’ tutte l’ombre mei). Richiesta di risposte che viene replicata in “Timme Signurìa”.

L’autriceAda Garofalo vive a Racale e lavora nel campo della neuropsichiatria infantile. Appassionata di teatro e di lingua salentina, ha scritto e interpretato numerosi testi teatrali. È presidente dell’associazione teatrale “Sinonimi e Contrarie” (ex Teatr’Insieme di Racale). Nel 2014 ha pubblicato per i tipi di Grauseditore “Gallinelle e nodi. Sabbia e poesia”, una raccolta di testi in versi e prosa. “Quannu te cunta ‘u core” è uscito nella Collana Poesia di Musicaos Editore.