A proposito dell’articolo del direttore Fernando D’Aprile sui miasmi nella zona di Muro Leccese, Presicce-Acquarica, Poggiardo e Surbo, riportiamo la lettera di seguito:

Non esiste centro urbano nel Salento che non sia stato riqualificato disponendo di soldi pubblici. Castelli, palazzi, piazze, scuole, strade e quant’altro sono stati messi in bella mostra per ostentare la bravura di questa o quella amministrazione. Anche l’edificio della Regione Puglia che è in fase di costruzione sta risucchiando svariati milioni dalle tasche dei pugliesi. Per non parlare dell’impianto di trattamento dei rifiuti che è stato fatto a Corigliano d’Otranto senza mai poter entrare in funzione. A fronte di tanto denaro pubblico speso bene o male poi abbiamo tante difficoltà economiche negli ospedali e nella pubblica sanità. 
La cosa più grave tuttavia è quella di disporre di un’Agenzia per il controllo dell’ambiente (Arpa Puglia) priva di personale, strumenti e mezzi sufficienti per lo stesso controllo del territorio. 
Intanto i salentini devono vivere col naso tappato per le puzze che non si sa da dove provengono e, cosa più grave, si muore di cancro più di quanto non succede nelle altre parti del mondo.

Mario Ricchiuto

Pubblicità

Commenta la notizia!