Puglia in “zona rossa”, controlli e sanzioni: chiusi quattro bar tra Gallipoli, Nardò e Porto Cesareo

1046

Gallipoli La Puglia è da quest’oggi in “zona rossa” con i controlli delle forze dell’ordine  intensificati già nel corso del fine settimana per vigilare sul rispetto delle norme anti-contagio: nel mirino i consueti “assembramenti”.

La Polizia di Stato, nelle zone aree di competenza territoriale dei Commissariati di Gallipoli, Nardò, Otranto, Taurisano e Galatina, ha identificato circa 600 persone e controllato 55 esercizi commerciali. Sono state contestate appena cinque sanzioni per il mancato uso delle mascherine, mentre tre bar, due su corso Roma a Gallipoli ed uno sua via Salandra a Lecce, sono stati sanzionati perché permettevano l’asporto di alimenti e bevande fuori dall’orario consentito. A tali infrazioni è annessa la sanzione accessoria della chiusura del locale per giorni due, salvo l’eventuale applicazione della misura massima di chiusura di 30 giorni da parte del Prefetto.

Bar chiusi e sanzionati

I carabinieri sono intervenuti domenica sera in un bar di Porto Cesareo per la presenza di numerosi avventori ai tavoli, senza il rispetto delle distanze di sicurezza imposte per evitare il diffondersi della pandemia. Il locale è stato sanzionato e chiuso per alcuni giorni.

A Nardò un locale è rimasto aperto al pubblico oltre l’orario previsto, con molti avventori rimasti all’interno e nella zona esterna di pertinenza. Alla multa di 1.000 euro ha fatto seguito la chiusura per cinque giorni. In tale circostanza sono poi state identificate sei persone, tutte sanzionate per il mancato rispetto dei divieti anti-assembramento.