Primo giorno di scuola dopo 50 anni: i “ragazzi” della Prima B ritrovano la maestra Eva

9976

Gallipoli – Si sono ritrovati a distanza di 50 anni per ricordare, assieme alla loro maestra Eva Piro Cristiani, quell’ormai lontano primo ottobre 1969, quando, appena bambini, varcarono per la prima volta la soglia di scuola.

L’appello e il segno della Croce, come quel mercoledì del 1969

Sabato 5 ottobre gli ex alunni della prima B degli ex Salesiani si sono dati appuntamento presso il teatrino della parrocchia San Lazzaro: così come quel lontano mercoledì, anche questa volta al segno della Croce e alla preghiera (come si usava nelle scuole di un tempo) ha fatto seguito quindi l’appello della maestra, con l’annotazione degli assenti, tutti giustificati perché alcuni fuori sede per motivi di lavoro e uno solo venuto nel frattempo a mancare.

Rispolverate le vecchie foto 

Felicemente sorpresa la maestra Cristiani, oggi 92enne, contornata dall’affetto dei suoi ex alunni oggi 56enni. «L’Istituto scolastico dei Salesiani tenne a battesimo quell’evento. Venimmo affidati – ricorda il promotore dell’appuntamento Raffaele Liaci – alla nostra maestra, una signora con gli occhiali, dall’aspetto molto cordiale, pronta a condurci verso il traguardo della licenza elementare: ci mise in fila e ci portò in classe. Nei giorni scorsi abbiamo rispolverato le vecchie fotografie di quei momenti indimenticabili: qualcuno ha pure conservato le ricerche, le pagelle, i temi o i “pensierini” che caratterizzarono quei primi anni ‘70. Così, mentre l’uomo sbarcava sulla Luna, quei ragazzi vissero la loro infanzia fatta di sogni, di giochi ed esperienze didattiche».

Pubblicità

Felicemente sorpresa la 92enne maestra Eva

La maestra Piro, emozionata ma sempre lucida come allora, ha ricordato quel primo giorno di scuola nel quale alcuni dei ragazzi furono “inizialmente riottosi e piagnucolosi” nel lasciare la mano dei loro genitori, ma subito dopo chiassosi e infine attenti e muti nell’ascoltare il primo miracolo di Gesù proposto loro in classe. Liaci, poeta per diletto, ha poi declamato una sua poesia scritta per l’occasione e dedicata alla maestra. Ha poi fatto seguito il taglio della torta, il brindisi e la promessa di ritrovarsi, ancora una volta.

Pubblicità