“Premio Aldo Bello”, studenti alla prova sulle tracce del maestro

Termine ultimo per la presentazione degli elaborati è il 15 marzo 2019 mentre la serata di premiazione si terrà a Palazzo Marchesale a fine anno scolastico

1225

Matino – Sesta edizione per il Premio di giornalismo “Aldo Bello” riservato agli studenti del triennio degli Istituti superiori salentini. La vita nella Rete, l’Europa, il turismo culturale nel Salento sono i temi sui quali sono chiamati a confrontarsi i ragazzi in quello che dal 2012 è ormai diventato un appuntamento fisso nella programmazione di molti Istituti scolastici. Oltre alla sezione giornalismo c’è anche quella riservata alla narrativa che richiede l’elaborazione di un testo di un racconto breve ispirato da una citazione tratta dal romanzo “La mattanza” di Aldo Bello (finalista al Viareggio) ovvero dalla visione del mondo tipica della prima giovinezza. Termine ultimo per la presentazione degli elaborati è il 15 marzo 2019 mentre la serata di premiazione si terrà a Palazzo Marchesale a fine anno scolastico. Gli elaborati saranno valutati da una commissione composta da operatori del mondo dell’informazione e letterario: ai primi tre classificati della sezione giornalismo e ai primi due per la narrativa saranno assegnati un diploma, una targa di merito e premi in denaro da parte della Banca Popolare Pugliese (500, 300 e 200 euro per la prima categoria, 300 e 200 per la seconda).

Le tracce Quanto mai attuali le tracce scelte. “Mondo virtuale e mondo reale” intende stimolare gli studenti sull’uso del web “indiscusso protagonista dei tempi” e sulle problematiche che può causare, dipendenza e isolamento sino a casi di violenza e cyber bullismo. “Europa più lontana” punta, invece, a valutare il “ruolo effettivo” dell’Unione Europea anche in vista delle elezioni del prossimo maggio. “Turismo culturale sulla scia del turismo ricreativo in Salento” vuole, infine, invitare ad una riflessione sulle “strategie comunicative e strutturale” più efficaci per la promozione del turismo culturale locale.
Il concorso è dedicato al giornalista (in Rai con Sergio Zavoli), scrittore e fine intellettuale nato a Galatina nel 1937, scomparso nel 2011 e fortemente legato alla città di Matino ed al Salento in generale. Si tratta di un’iniziativa culturale e formativa organizzato dal Centro studi “Aldo Bello” (nato nel 2012 all’interno dell’associazione “Autori matinesi”) con la Banca Popolare Pugliese e New Genesys srl con il patrocinio della Provincia di Lecce e dei Comuni di Matino e Galatina.